Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 21/09/2019, 17:11

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 13/10/2014, 11:49 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
Nei mesi che precedono la Barcolana perdo ogni inibizione e inizio a propormi in modo spudorato ad ogni amico, parente, conoscente, persino a quelli a cui sto sugli zebedei (e sono tanti) per trovare un imbarco. È una droga, dopo la prima, specialmente quando la fai al timone, non si può più farne a meno, anche quando non ho trovato posto ci sono andato, passeggiare sulle rive è un'emozione indescrivibile, la sera infilarsi nei vicoli di Trieste ha un fascino unico.

Quest'anno la fortuna mi arride, trovo imbarco quasi subito, anzi ne trovo più di uno tanto che nei giorni seguenti devo declinare ben due inviti e tutti da amici (di cui uno nuovissimo e molto apprezzato) e mi dispiaccio molto, vorrei essere su tutte e tre, la prima perché è una carrellabile, la seconda perché è un impegno sociale che condivido, la terza perché un amico di ormai lunghissima data con cui ho condiviso molte avventure, alcune veramente toste.

Alla fine la decisione è di supportare l'attività sociale, mi imbarco con sea shepherd. No non è vero, all'ultimo mi si propone, di fatto chiede, di salire su Dagobah, Arpege classe 1970, sono in due e la strada da fare è tanta. Rinuncio quindi all'albergo, alla doccia, alle cene pagate (anche se vegane ;) ) e venerdì alle 18 mi trovo alla Bovisa per partire.

Viaggio liscio e tranquillo, arriviamo ad Aprilia alle 23,30 dopo una chiacchierata infinita, con Cristiano non ci vedevamo da un anno e c'era molto da "aggiornare" e Mario, istruttore Orza è un ottima compagnia pieno di ottimi consigli spesso espressi solo visivamente. Saliamo in barca caricando il solito quintale di cambusa a cui si aggiungono le attrezzature tecniche personali necessarie per navigazioni impegnative, abbiamo infatti deciso di uscire in notturna e le 5 miglia di canali oltre alle 30 miglia che ci separano da Trieste non sono da prendere alla leggera. Per fortuna la marea è alta, ma non al picco così se dovessimo arenarci sarà più facile liberarsi. Verifica luci, gasolio, acqua, indossiamo le cerate, salvagenti, predisponiamo i fari e le torce personali, un minimo di cambusa di pronto uso e usciamo.
Il porto è illuminato e i primi minuti passano rilassati, ma appena usciti dall'imboccatura, che poi tale non è essendo un una laguna, il buio ci avvolge, è nuvoloso e la luna non si vede quasi, le prime due briccole sono invisibili, Mario va a prua con il faro e scrutanto l'oscurità le trova. Avanziamo a 2 nodi, con il motore poco sopra il minimo per contrastare la corrente contraria, il canale è largo una cinquantina di metri, ma al buio le briccole sembrano vicinissime. Mentre Cristiano timona scendo e accendo il Navionics per verificare e ancora una volta mi stupisco della precisione con cui ci indica dove siamo, perfino la posizione delle briccole è quasi perfetta.
Vedi traccia Navionics
Mentre usciamo c'è tensione e cominicamo a pensare se proseguire o ancorarsi appena fuori per dormire. La navigazione di porterebbe a Trieste prima dell'alba, mentre fermandoci e ripartendo all'alba sarebbe più facile. La previsione però suppone vento da NO la notte e piatta la mattina, quindi si prosegue.

È l'una passata quando giungiamo al primo waypoint al largo e, come deciso scendo per il primo turno nanna, se dovesse arrivare il vento mi svegliaranno per issare le vele. Mario si dispone di guardia e Cristiano in "attesa".
Alle 4, con Trieste in vista facciamo la prima rotazione, così passo al timone mentre Cristiano va a dormire.
L'atterraggio a Trieste non presenta grandi difficoltà se hai 3 GPS da consultare, l'unica cosa è evitare le boe di segnalazione e le navi all'ormeggio. Soprattutto le prime perché talvolta sono spente o invisibili sullo sfondo della città.
Procediamo a motore a 3/4 nodi, perché alla fine il vento è arrivato, ma sul naso.

Siamo a 4/5 miglia, Trieste è per me facilmente riconoscibile, Miramare, il faro ovviamente, le luci del porto commerciale, in mezzo i le luci rossa e verde curiosamente invertite nella percezione di chi arriva, indicano infatti non il passaggio ma a lunga diga foranea. Mi dispongo con la barra sul coggige per avere la massima visibilità e atterro con sicurezza entrando proprio davanti a Molo Audace, abbiamo infatti deciso di tentare l'ormeggio nella parte più incasinata sfruttando l'arrivo notturno un po' piratesco.

Approcciando il molo facciamo qualche giro per verificare tutti gli ormeggi e attendere un minimo di luce per non fare danni vista la stanchezza. Approcciamo al lato nord ad una barca di pari dimensioni, "solo" in terza andana, nemmeno siamo affiancati che ne esce un gentil signore che ci spiega che quello è l'ormeggio per le barche che si muovono. Noi, novellini, vi crediamo e ci spostiamo oltre; ovviamente la mattina in quel punto ci sono 9 barche accostate e noi saremmo stati in posizione invidiabile. Va beh. Troviamo un altro "buon" posto e ci affianchiamo, cime alla vicina, parabordi e a nanna di corsa.

Sono le 10, dopo 3 ore, quando un insistente battere sulla tuga ci desta. Pare che si sia troppo piccoli per quella fila, dobbiamo spostarci sulla quarta, l'omino in casacca arancione e il gommone ci scortano fino al posto dove ci affianchiamo ad un "one-off" in legno con linee da regata veloce anni '80 e 2 sloveni a bordo che ci aiutano ad ormeggiare. Devo dire che l'arpege mi ha stupito per come sia neutro nelle manovre, non facile ovviamente per lo skeg, ma non impossibile. Ormeggiati mi dispongo per tornare a dormire, ma lo sloveno mi blocca con una bottiglia di grappa in mano e mi costringe a bere, fingo ovviamente, e lui contento parte a raccontarmi della sua barca, mi obbliga a salire a vedere gli interni i mogano, mi mostra orgoglioso il frigorifero da abitazione ricolmo di alcolici spiegandomi come l'anno precedente non sia riuscito a partire perché troppo ubriaco e come questa volta non voglia ripetere lo stesso errore, la faccia e la birra che si apre mi dicono che non ci riuscirà.
Il sonno è andato, c'è da andare ad iscrivere la barca, scendiamo e ci incamminiamo fra gli stand prima e in piazza poi per curiosare in giro. Caffé, bagno, stazione, pulman, Barcola dove ritiriamo iscrizioni e numeri velici. Il ritorno è più avventuroso perché sbagliamo pulman e ci ritroviamo sulle colline. I 3 km a piedi del ritorno non hanno reso felice il mio piede, anche perché siamo appesantiti dalla tonnellata di gadget, ma per il resto la seconda visita alla città è stata molto interessante. Alle 2 siamo di nuovo in barca, i vicini ormai prossimi al coma etilico aiutati da qualche decina di loro amici che si alternano in pozzetto, pranziamo con una focaccia fantastica e poi ci dedichiamo alla pennica.
In realtà loro vanno a dormire, io mi dedico alle pubbliche relazioni, da FB, che da le posizioni di prossimità, apprendo che molti conoscenti sono in varia andana attorno a me così scendo a fare due passi e quattro chiacchiere è di fatto sera quando torno a bordo. Pochi minuti e arriva un'altra telefonata, un incontro atteso forse più degli altri, vuoi per il "pacco" vuoi perché sono i carrellatori quelli con cui parlo più volentieri. Alle 7 siamo seduti davanti ad una bevanda, inutile se non per creare la scusa per fare un'ora e più di chiacchiere su barche, conoscenze comuni, storie tese da forum e catamarani.
Grazie a questo mi perdo i "soci" che se ne vanno senza riuscire a telefonarmi, grazie perché posso salutare il nuovo amico e dedicarmi da solo alla visita degli stand con la calma che questa operazione necessità.

Finisco, tirato dalla curiosità, allo stand del Maxus, al solito l'unica barca veramente interessante :roll: ;)
Non c'è molta gente e mi avvicino con fare curioso, raccolgo un volantino e lo consulto attendendo l'inevitabile approccio, Luca lo conosco, sempre virtualmente, ma lui non sa chi sono e posso così iniziare le domande prima generali sulle carrellabile e poi più tecniche fino a che, quando si va veramente a fondo, l'occhio già dubbioso mi riconosce. 8-) :oops:
Mi è un po' spiaciuto, ma così riesco ad avere un'impressione più realistica e in questo caso migliore sia su di lui sia sulla barca, banalmente perché non tenta di "vendermi" come tutti fanno subito il modello più grande. "Fastidio" che ho spesso riscontrato in molti che usano le entry level solo come attrattiva. Il Maxus 22 è una bella barca, non dissimile nelle forme alle altre "polacchine", forse un po' più rifinita e personalizzabile, il costo superiore, ma non di molto, le spiegazioni, anche tecniche, sicure ed oneste (per questo non mi "qualifico", per "scoprire" le fandonie). Ne sono favorevolmente impressionato, mi manca solo di salirci, la mia gambetta mi ha sconsigliato il salto dal pontile di Trieste, ma un cortese invito a Caldonazzo nei prossimi mesi colmerà questa lacuna.
Dimenticavo, mentre si chiacchiera orma del più e del meno arriva un nuovo potenziale cliente e io vengo lasciato momentaneamente, giustamente, in disparte. Non fosse che il cliente è una firma conosciata sul forum :lol:
Nemmeno il tempo di salutarlo che mi viene presentato con una certa enfasi un altro curioso sopraggiunto, tale Maurizio Vettorato, minista con una transat all'attivo; anche qui con sorpresa visto che sono stato suo consulente per la comunicazione proprio per quella transat. "Ma conosci tutti" è quello che leggo negli occhi. :roll:
Maurizio è li per prendere visione di un'altra polacca, esposta, per non disturbare oltre saluto ed inizio il ritorno verso la barca, sono le 8 e mi aspettano per cena. Nota: non mangiare fagioli con le cotiche in un Arpege se poi si intende anche dormirci.


Continua.....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 13/10/2014, 18:00 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
La sveglia è un concerto esattamente come la nottata, tra il russare alternato, perfettamente coordinato aggiungo, dei tre intrepridi, le innumerevoli detonazioni da fagiolo e i vicini festaioli sono riuscito ad addormentarmi alle 3.
Ci alziamo alle 7,30. Il programma prevede: predisposizione randa, numeri velici e circuito spi; quest'ultimo purtroppo manca delle scotte, le cerchiamo ovunque ma senza successo.
Alle 8,30 siamo colazionati e pronti ad uscire, ma dei vicini in sesta e settima nessuna traccia, proviamo a bussare senza risultato, la barca è chiusa, speriamo solo arrivino. Alle 9 siamo quasi decisi a lasciarle andare alla deriva quando finalmente il tambuccio si apre e occhi cisposi escono guardandoci assenti quasi non capissero che cosa abbiamo da lamentarci. Dopo tutto siamo in vacanza mica è una regata. Accendiamo il motore, molliamo gli ormeggi e a marcia avanti, visto che ormai è rimasta la nostra fila, ci sfiliamo, come per magia si svegliano e si attivano.

Avanziamo verso ovest in un mare crescente di imbarcazioni, il nostro obiettivo è una zona più libera possibile tra il faro e Miramare, in pratica si va avanti finche le baerche da regata non si fermano così da essere fuori dalle loro velleità corsaiole.
In realtà ci piazziamo praticamente davanti a Barcola perché i grandi si sono fermati quasi subito, issiamo la randa, proviamo a svolgere il genoa e quindi rimaniamo a ciondolare nell'attesa della partenza. Sul canale 9 i messaggi regata e le solite cavolate goliardiche da una barca all'altra, apprendiamo tra l'altro che l'imbarcazione con mascone 1654 (numero inventato) ha una prodiera troppo figa e c'è rischio di contatto, che il 365 ha aperto la 3a bottiglia di prosecco, senza radio sappiamo che il 1840 alla nostra destra ha fatto il caffè... Insomma... Barcolana. Non ci rimane che affettare il salame e la provola.

Siamo ai 5 minuti, cerchiamo di avvicinarci con un po' di motore alla linea di partenza, quindi spegniamo e svolgiamo anche il genoa, ai 3 minuti fermi immobili a 50 dalla linea siamo pronti e concentrati, alla radio il tempo è scandito insieme alle proteste quali: mascone... ha il motore acceso e n° ..... mi sta abbordando...
Partiti! Nella piatta totale il colpo di cannone è forte e chiaro, ma nessuno si muove a parte i più leggeri molto sopravento a noi che riescono a tenere quel nodo a noi impossibile. Dopo un'ora sulla linea rimangono solo le vecchie glorie e i crocieroni tutti impegnati a far timonella (illegale) nel vano tentativo di passare almeno la linea di partenza. Ad un'ora e mezza siamo a 20 metri dalla linea quando il gommone, finalmente, viene a togliere le boe così noi possiamo iniziare a giustificare l'intenzione di ritirarci... Mascone 1111, Mascone 1564, Mascone 1222, .... gli annunci dei ritiri si susseguono, la flotta è sempre più lontana, noi abbiamo 6 ore da fare per tornare al porto. E con questa sono due di seguito.

D'altra parte io non sono un regatante e in quelle condizioni non so se continuerei, ma non posso nemmeno decidere per gli altri e quindi mi adeguo alla volonta dell'armatore. Prua 270 su Grado.

Continua.....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 14/10/2014, 15:00 
Non connesso

Iscritto il: 02/09/2010, 11:06
Messaggi: 3211
Località: Reggio Emilia
che bella :lol: così riesco a dar il meglio anche io...ne sono sicurissimo!!

_________________
https://www.youtube.com/user/TheLimo74


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 14/10/2014, 23:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2013, 23:49
Messaggi: 282
Località: venezia
Finita qui???


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 14/10/2014, 23:34 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
enzo betty ha scritto:
Finita qui???


Oggi ho lavorato :shock:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 15/10/2014, 0:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/10/2011, 23:36
Messaggi: 2556
Paddy ha scritto:
Oggi ho lavorato :shock:

Questo è un tuo problema, non certo una scusa per esimerti dai tuoi doveri... 8-)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 15/10/2014, 8:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 17/11/2009, 12:30
Messaggi: 2163
Località: Ponsacco (pi)
NeXuS ha scritto:
Paddy ha scritto:
Oggi ho lavorato :shock:

Questo è un tuo problema, non certo una scusa per esimerti dai tuoi doveri... 8-)


:lol: :lol: :lol: :lol:

_________________
Lorenzo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 15/10/2014, 9:09 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
Avete ragione. Non c'è scusa che tenga.

La prua non la mettiamo proprio a 270 ma lievemente più su, la netiquette impone di non attraversare in diagonale il campo di regata. Costeggiamo quindi il lungomare fino al castello.
Ogni tanto mi giro a guardare la massa di imbarcazioni con rammarico, le guardo con un misto di invidia e di speranza, spero per loro che arrivi il vento e, naturalmente, li invidio per quando arriverà. Non arriverà, o meglio ci sarà una lieve pressione sufficiente alle più leggere per completare il percorso, per noi vecchie glorie d'altri tempi pensate per mari ben più avventurosi e indocili non ci sarebbe stata comunque speranza.

Al castello di Miramare la rotta diventa 290°, prua su Grado distanza 19 miglia, ETA 14,30. Seconda tratta pepr 250, 15 miglia, eta 17,30. Navionics tutta la vita. :lol:
È ora di pranzo, ma dopo la colazione ritardata non c'è fame, al massimo voglia di qualcosa di buono, apriamo un po' di patatine e altre schifezze e mentre Dagobah procede controllata dal pilota ci dedichiamo ad amene conversazioni su navigazioni passate e future, su Kessel e le altre isole che non ci sono, sulla Croazia, le patenti, i mezzi migliori per tracciare le rotte sull'importanza di conservarle per il futuro, sui portolani e i diari di bordo. Così arriviamo a Grado in quello che ci sembra un attimo, poggiamo per la nuova tratta. La punta della cittadina è una rotta obbligata più o meno per tutte le destinazioni fra Jesolo e Chioggia, ci ritroviamo quindi in un gruppo considerevole di barche "masconate generali" che procedono nella quiete di vento. Qualcuna con fare nervoso, le più meste e lente senza esagerare nei giri motore. Tanto il tempo era già stato dedicato alla regata inutile sprecarlo a casa.

Sulla seconda tratta mi dedico alla strumentazione. La barca è ottimamente fornita: eco, log, wind, iPad, ST2000, GPS tutto connesso in NMEA o wireless. Molto bello, ma a parte fra eco e log, non c'è dialogo e il wind non riceve alcun segnale dal collega girevole lassù. Provo varie funzioni e alcuni reset, compreso uno stacca attacca, ma niente dall'alto non arriva alcun segnale le batterie del trasduttore hanno 7 mesi impossibile si siano già scaricate, ma tanté più che andar su a controllare non vedo altra soluzione. Così sia allora. Passiamo le due ore successive a discutere sul modo migliore per salire in testa d'albero e, ovviamente prendiamo la saggia decisione di farlo fare al cantiere :roll:

In vista di Lignano finalmente, ammainiamo la randa rimasta a sbattacchiare speranzosa, anche se non illusa e ci disponiamo a perpendicolo con l'imboccatura.

... continua Giuseppe Lazzati, Rettore della Cattolica, richiede la mia attenzione


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 15/10/2014, 9:48 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
Un po' di tracce Navionics.
L'atterraggio notturno a Trieste

La traccia parte da Miramare, in realtà non è così, arrivavamo direttamente dal largo, ma il telefono messo in un cassetto per lo sballottamento delle onde non prendeva il segnale. Il problema è che con il connubbio smartphone/Navionics ci si abitua male e si pensa prenda sempre.


Ritorno ad Aprilia, questa traccia invece è intera. Mare calmissimo e sole caldo potevo tenere il telefono anche in tasca.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barcolana 2014
MessaggioInviato: 15/10/2014, 10:13 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12711
Località: Arese
Allegato:
1901424_923106521037026_8017784686041498537_n.jpg
1901424_923106521037026_8017784686041498537_n.jpg [ 117.75 KiB | Osservato 3130 volte ]

Voi siete qui.

Allegato:
10701954_10205050009234397_8932927144071686957_n.jpg
10701954_10205050009234397_8932927144071686957_n.jpg [ 91.75 KiB | Osservato 3130 volte ]

Ormeggio all'alba. 5a andana

Allegato:
1958094_10205060399014135_4588772503338649050_n.jpg
1958094_10205060399014135_4588772503338649050_n.jpg [ 81.34 KiB | Osservato 3130 volte ]

La colazione dei campioni

Allegato:
10710519_10205066810894428_4482644380383817523_n.jpg
10710519_10205066810894428_4482644380383817523_n.jpg [ 94.74 KiB | Osservato 3130 volte ]

Partenza verso Miramare

Allegato:
1619312_10205066812494468_5422213484411931067_n.jpg
1619312_10205066812494468_5422213484411931067_n.jpg [ 86.18 KiB | Osservato 3130 volte ]

Partenza verso Barcola


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it