Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 16/08/2018, 6:35

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 11:16 
Non connesso

Iscritto il: 16/10/2012, 16:28
Messaggi: 58
Buongiorno. L'estate volge al termine ma qualche uscita vorrei ancora farla e visto che la moglie è stata trasferita fuori, Isole Eolie, vorrei provare a fare qualche giro da solo, ovviamente con poco vento.
Il primo problema che vedo in prospettiva dell'uscita in solitario è quello di tirar su la randa. Senza pilota automatico tenere la barca controvento, andare all'albero per alzare la drizza evitando che la vela esca dalla canaletta, e recuperare la drizza in pozzetto mi sembra complicato.
Qualche suggerimento sia tecnico che con eventuali attrezzature da usare?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 11:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 22/11/2009, 10:47
Messaggi: 1235
Il primo approccio consiste nel lasciare ancora il motore acceso, fissare il timone e sbrigarsi a tirare su la vela.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 11:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 2850
Località: (UD)
usa l'ancora.

Ti metti all'ancora, la barca se ne sta buona buona controvento e tu puoi alzare la randa con tutta la calma del mondo, tenendo sempre la scotta ben lasca affinche' non possa prendere il vento ma sia libera di fileggiare nel letto del vento.
Quando sei pronto vai a prua, tiri su l'ancora (sempre con la scotta randa ben lasca), rientri in pozzetto, poggi e recuperi la scotta randa, poi tiri su il fiocco.

la parte piu' critica e' il recupero dell'ancora che deve essere rapido.... la barca appena si libera tendera' a poggiare... fino al traverso non ci sono grossi problemi se hai lasciato la scotta lasca, oltre la randa comincera' a portare comunque e la barca parte... e' ora di essere al timone...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 18:50 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12541
Località: Arese
Ti dico come facevo io.

Prima di tutto mi sono dotato di questo:
Allegato:
ronstan-rf305-feeder-per-randa-30.jpg
ronstan-rf305-feeder-per-randa-30.jpg [ 22.67 KiB | Osservato 2649 volte ]

Si chiama prefeeder (alcuni lo chiamano diavolaccio) è un ausilio che aiuta ad inserire la vela all'interno della canalina. Questo è il più semplice e si infila nella canalina stessa sotto il punto largo, ma ce ne sono altri da avvitare.

Incoccavo la penna della randa nel diavolaccio e nella canalina, issavo il fiocco e partivo.
Quando la barca ha abbrivio sufficiente la porto all'orza e quindi alla cappa.
In questa posizione ho tutto il tempo di andare all'albero e issare velocemente la randa.

Se invece vuoi e hai la possibilità di rinviare la drizza in pozzetto con il prefeeder non devi più andare all'albero.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 19:28 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4362
Località: un romano a Carmagnola (TO)
Quoto in toto

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 19:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/11/2009, 21:19
Messaggi: 1820
Località: roma
Ci sarebbe anche un altro sistema che alcuni dicono semplicissimo ed efficace: collegare direttamente il boma alla barra del timone. Se la barca si allontana dal vento e la randa si gonfia da una parte, tirera' la barra del timone che riportera' la barca all'orza. Lo stesso dalla parte opposta. La scotta della randa deve essere un po' lascata e , naturalmente, all'inizio occorre qualche prova. Occorre anche assicurarsi che la barra non sia libera di sollevarsi.

BV

_________________
Aura (CNA - Brezza 22 ) http://lamiabarcabrezza22.myblog.it
Gli stolti corrono ove i saggi non osano nemmeno avventurarsi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 21:26 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12541
Località: Arese
È un sistema che ho provato senza riuscirci, ma ad essere pignoli la randa ancora non è issata :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 11/09/2015, 23:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/11/2009, 21:19
Messaggi: 1820
Località: roma
Si puo' uscire con la randa alzata (cioe' inferita)!solo per un tratto e sfruttare i primi secondi in cui la barca e' al vento per alzarne un altro pezzo in modo da avere da questo momento in poi l'aiuto del vento.
Se il vento non e' tanto potrebbe anche funzionare pur noj avendo io mai provato questa soluzione.

_________________
Aura (CNA - Brezza 22 ) http://lamiabarcabrezza22.myblog.it
Gli stolti corrono ove i saggi non osano nemmeno avventurarsi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 12/09/2015, 0:27 
Non connesso

Iscritto il: 08/12/2014, 21:46
Messaggi: 109
Catullo70 ha scritto:
Il primo problema che vedo in prospettiva dell'uscita in solitario è quello di tirar su la randa. Senza pilota automatico tenere la barca controvento, andare all'albero per alzare la drizza evitando che la vela esca dalla canaletta, e recuperare la drizza in pozzetto mi sembra complicato.

Io esco spesso da solo e questa operazione l'ho fatta diverse volte, ed effettivamente è abbastanza impegnativo... a volte mi sono ritrovato a dovermi prendere qualche minuto di riposo dopo la faticaccia.. come ho risolto? Seguendo l'ottimo consiglio di far mettere dei garrocci alla randa. Ora la isso con una mano sola, mentre sto al timone. Stando al timone riesco a fare anche tutte le micro correzioni necessarie per evitare che le stecche della randa si infilino nelle cimette del lazy.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Su la randa
MessaggioInviato: 13/09/2015, 19:05 
Non connesso

Iscritto il: 25/12/2012, 20:42
Messaggi: 1009
Località: Como
È una manovra che faccio spesso da solo, se il vento non è forte: motore acceso, timone con il solito elastico, ma soprattutto è importante che il gratile sia stato ben riposto a pieghe regolari e pronto per essere inferito. Se c'è più vento....ST1000....


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it