Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 16/04/2021, 0:57

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 10:35 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4457
Località: un romano tornato al mare!
Difficile rispondere, bisognerebbe provare, ma credo lo possa fare tu - rigorosamente in acqua e senza fretta - simulando le tue posizioni e quelle dei rinvii e strozzatori possibili, con le possibili funzioni: rotazione orizzontale, verticale, sgancio etc.

Ma una osservazione forse preliminare: con tutti quei rimandi occhio alla forza (causa possibile precipitazione) che applichi...

Buon lavoro, e senza fretta, ribadisco e mi raccomando...

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 11:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/11/2009, 20:56
Messaggi: 469
Località: Povegliano (TV)
Gonzo ha scritto:
Partito e arrivato a destinazione!
Oggi con punte di 25 nodi sono partito da P. Conte col mio equipaggio (io e Alessia) e dopo una chiacchierata con Mr. Johnson ho messo solo fiocco che mi ha portato a veleggiare nella rada di Porto Conte per poi, dopo pausa ancora e bagnetto dirigermi in port da me a Fertilia.


Minchia, con 25 nodi hai fatto pure la pausa con ancora e bagnetto? :shock: :D
Complimenti! Io domenica con 20 nodi scarsi non ho manco mollato le cime di ormeggio e sono tornato a casa... :oops:

_________________
Matteo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 12:00 
Non connesso

Iscritto il: 05/11/2009, 18:02
Messaggi: 3741
sopravento ha scritto:
Gonzo ha scritto:
Partito e arrivato a destinazione!
Oggi con punte di 25 nodi sono partito da P. Conte col mio equipaggio (io e Alessia) e dopo una chiacchierata con Mr. Johnson ho messo solo fiocco che mi ha portato a veleggiare nella rada di Porto Conte per poi, dopo pausa ancora e bagnetto dirigermi in port da me a Fertilia.


Minchia, con 25 nodi hai fatto pure la pausa con ancora e bagnetto? :shock: :D
Complimenti! Io domenica con 20 nodi scarsi non ho manco mollato le cime di ormeggio e sono tornato a casa... :oops:


Io neanche sono partito da casa! :lol: :lol:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 13:44 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Wè wè! Non pensate che sia chissachè! 8-)
Sono andato di solo genoa, che sul mio armo è più piccino della randa e comunque abbiamo navigato bene anche grazie al fatto che la rada di P. Conte è il porto naturale più grande del mediterraneo, col maesrtrale di Domenica non c'era onda che potesse disturbare, inoltre sono cresciuto velisticamente in Laser proprio là, per cui conosco un minimo (per quanto ricordo) i cambi di direzione del vento e come sfruttarli (più o meno va!).
La rivelazione della giornata è stata in primis Alessia; la seconda volta che mette piede in barca e ha timonato al traverso tenendo bene la direzione, ha fatto suo il linguaggio nautico che ho usato con lei in pochissimo tempo, ha orzato durante un groppo che ha sbandato parecchio in modo molto istintivo... Beh sono felicissimo!
Se continua con questa sensibilità al timone finisce che mi permetterà di farle da prodiere!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 14:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 25/09/2010, 16:35
Messaggi: 361
Località: barlassina
non avevo dubbi che il micropomone si sarebbe comportato bene con 25 nodi
il mio con due mani di terzaroli sulla rando e il fiocco autovirate ne ha incassati 38 ed era ancoraq gestibile....

e se mi posso permettere di aggiungere qualcosa, avrai una lieta sorpresa in mezzo all eonde
per la dimensione che hail il micropomo resta incredibilmente asicutto..ne ho presi di schiafi in giro... sno un esperto della sberla presa...

in ogni caso tutto quel puleggiamento a poppa mi sembra eccessivo comeha detto qualcuno non vorrei che tira tira diti restasse labero sul crapino...

io farei un un bolzello doppio, non triplo e un rilancio semplice senza moltipliche a centro barca.
anche sperche fraun po ti accorgerai che piu metti il peso avanti , piu il bestio cammina
e quindi vedrai che fari le popportune modifiche in coperta
io in regata facevo sempre viaggiare il prodiere a prua, e nonsolo perche osno pesante io di mio ma proprio perche va meglio cosi
drizzista dentro in piedi con i piedi appoggiati sul fondo
prodiere a prua e il micro vola !
provareper credere.

_________________
le piccole barche... fanno grandi i Capitani !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 14:46 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
capitanmao ha scritto:
in ogni caso tutto quel puleggiamento a poppa mi sembra eccessivo comeha detto qualcuno non vorrei che tira tira diti restasse labero sul crapino...

io farei un un bolzello doppio, non triplo...

Ma infatti non è un 6:1 è "solo" un 4:1.
capitanmao ha scritto:
...e un rilancio semplice senza moltipliche a centro barca.


Dicci dicci... Spiegami bene, cosa intendi?
Le opprtune modifiche in coperta le vorrei approntare quasi subito, quindi fammi pure sapere cosa intendi fare!
Dai Micropomisti, si accetta ogni tipo di dritta! Facciamo una barca tecnica!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 16:52 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3213
Località: (UD)
Sinceramente io resto dell'idea di portare le sartie alte e basse indietro sul golfare che adesso e' delle basse ( magari mettendo nel golfare una piastra metallica per sdoppiarne l'attacco permettendo di agganciarci entrambe le sartie)
di conseguenza le volanti le puoi portare alla tuga e con meno rimandi..

e sopratutto meno paremi d'animo.

col vantaggio ulteriore di poter tenere l'equipaggio avanti e migliorare l'assetto in acqua del micropomo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 17:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 25/09/2010, 16:35
Messaggi: 361
Località: barlassina
sono d'accordo
anche se credo che il paterazzo riportato in basso a centro barca come ha adesso non sia male

piastre e contro piastre... sono d'accordo e una di quelle cose in cui e sempre meglio abbondare
anche perchè costano poco in temrini assoluti di peso e ti danno molta sicurezza.

_________________
le piccole barche... fanno grandi i Capitani !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Let's talk about rig...
MessaggioInviato: 21/06/2011, 21:47 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Beh il paterazzo (come avete fatto a vederlo mi chiedo), per quello che deve fare ancora ancora va benino, verrà spietatamente sostituito perchè fa schifo ma il concetto sarà fondamentalmente simile, quello che è assolutamente inadatto sono, ripeto, le volanti!
Voi come le impostereste?
Almeno come bozzellame per la parancatura prima di tutto non mi convince abbastanza l'accoppiamento fra bozzello affiancato e violino, ma quello non è niente, è lo strozzatore il vero problema, mi chiedo se sia meglio avere uno strozzascotte a ganascia sul paranco a violino basso (ovviamente un pezzo nuovo) oppure riportare all'anello di scorrimento la scotta e poi sostituire il piccolo cleam-cleat con un viadana da 13 euro (cosa che ad ogni modo vede la sostituzione della bozzello basso. :geek:
A parte le preferenze su distanze, posizionamento e inclinazioni che possono essere personali il discorso è avere lo strozzatore rimandato a poppa o posizionato sulla paratia del pozzetto come è predisposto ancora adesso?
Riallego le due foto che magari tornano utili:
Allegato:
20062011311.jpg
20062011311.jpg [ 794.17 KiB | Osservato 2575 volte ]

Allegato:
20062011312.jpg
20062011312.jpg [ 772.01 KiB | Osservato 2575 volte ]

Ah ecco metto anche il primo piano del paterazzo in tutto il suo splendore
Allegato:
20062011310.jpg
20062011310.jpg [ 748.59 KiB | Osservato 2575 volte ]

Lo so, sono un pippone ma provenendo da una deriva e per giunta classe internazionale dove ho modificato praticamente tutto queste elucubrazioni sono più che la norma!
Sorry me! :mrgreen:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 22:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3213
Località: (UD)
a costo di sembrare un disco rotto...
crocette acquartierate,crocette acquartierate,crocette acquartierate,crocette acquartierate

1) cavar via quelle volanti strutturali da poppa
2) acquartierare le crocette spostando indietro il punto di attacco delle sartie alte (dove ora sono attaccate le basse)
3) indifferentemente aggiungere un golfare accanto all'attuale delle basse (sfrattate dalle alte) per spostarvi le basse Oppure agganciare una piastra triangolare (con 3 fori) fra golfare e sartie in maniera da poter agganciare due sartie sullo stesso golfare (le alte e le basse).
4) Opzionalmente spostare le volanti non piu' strutturali (magari riducendo la demoltiplica) nel golfare a fine tuga accanto ai winch. Ma moltissimi micropomo sono senza volanti.

Faccio notare che essendo l'albero del micropomo molto flessibile non ha gran senso un armo con crocette dritte, comunque si riesce a farlo flettere facilmente alla bisogna anche con le crocette acquartierate...

Piuttosto invece delle volanti vedo utili nella regolazione della forma dell'albero eventualmente le basse "regolabili" [nella mia ci sono le basse e le volanti entrambe parancate e "regolabili", le uniche manovre realmente fisse sono le sartie alte e lo strallo]

In pratica:
- paterazzo: serve solo a flettere la penna in alto e aprire/chiudere la balumina in alto
- volanti posizionate ai winch: servono a regolare (contrastare) la catenaria dello strallo di prua
- basse: sono la vera regolazione della forma dell'albero, la loro tensione da la forma all'albero dall'attacco delle sartie alte in giu'..


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it