Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 22/10/2021, 5:57

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 21/06/2011, 23:31 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Guru carissimo, come ho detto in qualche post fa l'idea mi piace ma, c'è un ma... prima devo metterla in condizioni di navigare con tranquillità, poi mi fermerò a compiere questa modifica che mi darà certamente più tranquillità, ma per metterla in pratica devo assolutamente creare una landa di rinforzo cosa che le basse non hanno, mentre le alte si.
Questo comporta ovviamente un tempo di sosta, disalberare e modificare le crocette, se non anche l'attacco, quasi certamente rifare anche il sartiame ecc ecc... Ora capisco la raccomandazione ma... l'estate ruggisce e la voglia di provarla un po' è forte, ovviamente dovrò stare attento e fare i bordi un po' meno sportivi, però almeno navigo!
Le modifiche da fare una volta disalberato poi sono molte, come le volanti, strallo e paterazzo in tessile, pulegge nuove, drizze degne del lavoro che devono svolgere e tante altre piccole cose che tra un po' vi illustro con altre foto e avrò sempre bisogno del vostro gentilissimo aiuto.
Poi alle crocette ci arriveremo, ma per tempo...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 22/06/2011, 0:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3271
Località: (UD)
Gonzo ha scritto:
... devo assolutamente creare una landa di rinforzo cosa che le basse non hanno, mentre le alte si.


Intenderai mica che quella striscettina di ferro sia una "landa di rinforzo" no?
E' attaccata ad un compensato marino da 6 mm....
(si ma e' attaccata con lo sforzo radente... meglio non si poteva..)

Vado a memoria ma nel mio entrambi i golfari delle alte/basse/volanti sono sostenuti solo con due bulloni passanti da 8 mm ciascuno, ovviamente con una rondellina neppure troppo generosa...
E sono li... da piu' di 20 anni...
Poi non so se Ferruccio quando li ha messi ha annegato nel sandwitch del materiale piu' resistente in quel posto...

Gonzo ha scritto:
capisco la raccomandazione ma... l'estate ruggisce e la voglia di provarla un po' è forte, ovviamente dovrò stare attento e fare i bordi un po' meno sportivi, però almeno navigo!


Beh, giustissimo.... allora.. naviga e divertiti cosi' com'e', senza buttare soldi in modifiche temporanee... daltronde quel micropomo ha navigato cosi' per almeno 20 anni (ma piu' vicino ai 30 penso.)... potra' fare sicuramente un'altra estate...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 22/06/2011, 8:16 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Più che "sprecare soldi", che se vengono usati per delle buone modifiche sono sempre spesi bene, non vorrei fermarla adesso, come hai detto tu saranno 30 anni che va avanti così, si farà un'altra estate coi suoi nuovi armatori che hanno tanta voglia di conoscerla in planata!
A proposito di datazioni, mi chiedevo come datare la mia versione con crocette tradizionali... Potrebbe trattarsi di una delle prime, anzi molto probabilmente lo è, da quanto ho capito nessuno ha un albero come il mio , forse però, il luglio scorso ne vidi un altro, ero alla Maddalena e notai un Micropomo bellissimo con un albero che al tempo mi sembrava davvero esagerato, certamente aveva le volanti però non sono certo della versione. Una cosa certa è che il mio nasce così.
Non è che dovette seguire delle determinate regole di stazza?
Com'era il prototipo Renetta?
Qualcuno ha mai visto delle foto?
Altra domanda riguardante il piano velico; qualcuno ha le misure del piano da regata?
@ Guru che lunghezza ha il boma del tuo Microp.?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 22/06/2011, 22:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3271
Località: (UD)
Ho io le misure del mio piano velico (da regata)...
Anche se essendo l'attacco del boma mobile, la P puo' cambiare..

Sto lavorando al manuale del micropomo... Un po' di pazienza e avrai tutto...

il mio boma e' da 266 cm dal punto mura alla fine del boma, circa 270 completo.

riguardo alle regole di stazza... Non credo, le regole di classe imponevano solo la sup. Velica pari a max 18,5mq.

sarebbe da controllare quando sono cambiate le regole sull'altezza dell'apertura del pozzetto e robustezza timone.
Il tuo micropomo e' sicuramente anteriore (non rispetta quei requisiti, mentre i successivi micropomo si.)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 23/06/2011, 8:34 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Anche la mia dovrebbe essere una versione da regata quindi i piani dovrebbero corrispondere, se non sbaglio.
Dopo scappo in porto per misurare battagliole e altro e misuro anche il boma, se stai però lavorando al manuale del micropomo mi prenoto per avere le prime 5 copie! :D

Hai scritto; "sarebbe da controllare quando sono cambiate le regole sull'altezza dell'apertura del pozzetto e robustezza timone.
Il tuo micropomo e' sicuramente anteriore (non rispetta quei requisiti, mentre i successivi micropomo si."...
Che hai visto di diverso nel pozzetto (e nel timone) rispetto agli altri Micro?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 24/06/2011, 17:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3271
Località: (UD)
Cerca nel topic del micropomo...
Ho gia' descritto e postato le foto dei due differenti stampi..

fondamentalmente e' cambiato l'ingresso sottocoperta e a poppa e' stato aggiunto un bordino nelle panche per evitare che gli oggetti possano rotolare fuoribordo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 24/06/2011, 23:34 
Non connesso

Iscritto il: 24/05/2011, 11:42
Messaggi: 56
Località: Fertilia
Visto, visto, hai ragione ma al momento di farti la domanda mi era sfuggito, io comunque ho l'attacco del timone con asse passante.
Sto prendendo quel thread come riferimento, difatti domani se posso cambio già il vang e fotocopio il tuo, così posso cominciare a sdoppiare.
Una domandina tecnica, come ti trovi col tuo Vang in quanto a forza e sensibilità?
Se non sbaglio il sistema così collegato fa scaturire un 2:1.
Sotto vela con randa piena è sufficientemente sensibile e forte?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 29/07/2011, 7:49 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4482
Località: un romano tornato al mare!
[Inserisco qui, ma se opportuno si può spostare altrove; titolo: critiche e/o difetti al...]

Ho avuto un Micropomo, l'ho goduto poco, posso sbagliare, ma..

Ho l'impressione che a quella barca manchino almeno 20 cm ma anche 50 'appiccicati' a poppa. Mi spiego:
- 4 persone stanno in pozzetto, ma rigorosamente due per parte e non c'è spazio per muoversi se vogliamo lasciare il timoniere seduto oltre l'estremità della barra; in condizioni di vento appena fresco, non c'è - o non l'ho vista - una soluzione per affidare un po' di stabilità al peso/posizione dell'equipaggio, lasciando tutto alla manovra di vele e deriva, il che può essere stressante, soprattutto se l'equipaggio è semi-collaborante;

- sempre con 4, lo specchio di poppa o è appena a filo (con beccheggio immerge) o immerge tout-court;

- con 3 persone: è la barca del mio cuore (sic!).

A voi...

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 29/07/2011, 14:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3271
Località: (UD)
Tramp ha scritto:
[Inserisco qui, ma se opportuno si può spostare altrove; titolo: critiche e/o difetti al...]

Ho avuto un Micropomo, l'ho goduto poco, posso sbagliare, ma..

Ho l'impressione che a quella barca manchino almeno 20 cm ma anche 50 'appiccicati' a poppa. Mi spiego:
- 4 persone stanno in pozzetto, ma rigorosamente due per parte e non c'è spazio per muoversi se vogliamo lasciare il timoniere seduto oltre l'estremità della barra;


beh, se non si e' troppo grossi... si sta anche in 3 in un lato..
per me l'assetto da vento fresco per 4 e':
- una persona in piedi a cavallo del tavolo della deriva o comunque seduta all'ingresso del tambucio e gestisce drizze e volanti.
- le altre 3 si stringono in fila dal lato sopravento.. effettivamente il timoniere deve essere un serpentello per fare le virate passando sopra alla barra timone che intriga un po'..
- in alternativa uno sottovento e due sopravento sulle panche...



Tramp ha scritto:
in condizioni di vento appena fresco, non c'è - o non l'ho vista - una soluzione per affidare un po' di stabilità al peso/posizione dell'equipaggio,


perche' non avevi montato le cinghie...
sulle sedute si possono montare in senso longitudinale due cinghie, servono per infilarci sotto i piedi e sporgersi per aumentare il momento raddrizzante.. come in una deriva.
Il regolamento di classe vieta il trapezio.

Tramp ha scritto:
lasciando tutto alla manovra di vele e deriva, il che può essere stressante, soprattutto se l'equipaggio è semi-collaborante;

- sempre con 4, lo specchio di poppa o è appena a filo (con beccheggio immerge) o immerge tout-court;

- con 3 persone: è la barca del mio cuore (sic!).


confermo assolutamente..
In 3, 2, 1 e' fantastica.
in 4 si fa fatica a non immergere lo specchio di poppa.. il che ha effetti nefasti sulle prestazioni, uno deve andare avanti... (in piedi dentro in cabina appunto..)

NB: anche in 1 e' fantastica.. e qui sono poche le barche che possono vantare tutto riportato in pozzetto e fiocco autovirante.
Sono uscito piu' volte da solo anche con 15 nodi abbondanti di vento... senza problemi di sorta.. il fiocco autovirante fa tutto lui.. randa, timone e manovre sono tutte a portata...

Bisogna fare di tutto per abbassargli la prua.. ho provato anche a mettere del peso a estrema prua... sapendo che poteva aumentare il beccheggio con effetto "altalena"...

In realta', in condizioni di mare piatto l'impressione e' che sia molto migliorato l'assetto...
in condizioni di onda moderata, comunque sembra vada meglio riuscendo a tagliare meglio l'onda (mentre senza sbatte subito e si ferma) e il beccheggio sia addirittura inferiore (quando sbatte il beccheggio diventa esagerato..)


Ultima modifica di guru70 il 30/07/2011, 23:07, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Continuiamo a parlare di Micropomo?
MessaggioInviato: 30/07/2011, 22:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3271
Località: (UD)
Sarebbe interessante sapere come si comporta il nytec 20 ...
E' un micropomo allungato proprio di quei 50 cm che tramp ha l'impressione possano aiutare quando l'equipaggio e' oltre le 3 persone.
Chissa' se qualcuno con quella barca legge qui...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 66 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it