Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 07/07/2020, 11:06

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 01/03/2014, 10:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2011, 19:52
Messaggi: 976
Località: Ferrara
.....ma purtroppo questa ci è andata buca........
Spiego:
Su proposta dell'IMCCA, io, Paddy, Donatello, Marco e Luca del CVC, abbiamo deciso di tentare l'organizzazione dell'Euro Micro Challenge a Venezia, il 10-11 maggio 2014, un progetto ambizioso a cui avrebbero aderito equipaggi provenienti dall'Europa "che conta" in fatto di micro, compreso il campione del mondo in carica. Per l'Italia avrebbero partecipato alcuni equipaggi di Venezia e il prototipo di Lodigiani.
Marco e Luca hanno dato massima disponibilità con il circolo velico, per la logistica e l'appoggio in acqua, ma..........rimaneva un neo......le stazzature e la commissione arbitrale.
Per far partecipare i nostri equipaggi (che mi sembra il minimo, visto che siamo noi ad organizzare) serve stazzare le barche e le vele (circa 250€ a barca), per la commissione arbitrale bisogna passare per la FIV, i cui giudici non vogliono compensi, ma solo il rimborso spese di viaggio vitto, e se serve alloggio.
Abbiamo messo in moto tutta la macchina per trovare gli sporchi denari, dandoci come scadenza il 28 febbraio (data limite per ufficializzare con gli amici del'Europa). Abbiamo ottenuto il patrocinio di comune, provincia, e regione. Abbamo contattato Bolina, con esito positivo (ottenendo un'intervista telefonica del caporedattore Fabrizio Coccia) abbiamo contattato la Rai (con un forse, di risposta)
Ho personalmente contattato, illustrato 38 aziende di interesse nazionale ed internazionale presentando i due ambiziosi progetti della Microclass: Internazionale a Venezia e partecipazione ai Mondiali a Berlino.
Risultato: Alcuni educati NO, alcuni..."troppo tardi provate il prossimo anno fiscale, la cosa potrebbe essere interessante 8-) ", la Harken che ha inviato 25 simpatici portachiavi da distribuire agli associati microclass.



A questo punto visto che la scadenza è arrivata inesorabile e i fondi.... no, siamo stati costretti a rimandare l'ambizioso progetto al prossimo anno, che , avendo tutto il tempo, confido riusciremo a realizzare.


Avanti!....sono benaccetti consigli e esternazioni su dove abbiamo sbagliato o sul perchè secondo voi, in Italia, se la barca a Vela non è da miliardario, gli sponsor non se la ca..no.

Gianni.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 01/03/2014, 10:57 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12954
Località: Arese
Sappiamo che ci hai provato e dal numero di post anche numerose volte. :lol:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 01/03/2014, 11:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 17/01/2011, 13:02
Messaggi: 1156
Località: ASIAGO
forse perchè siamo troppo vicini alla classe 24 :| che è più diffusa ?

_________________
Diego
Skype : diego3c


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 02/03/2014, 1:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2011, 19:52
Messaggi: 976
Località: Ferrara
Paddy ha scritto:
Sappiamo che ci hai provato e dal numero di post anche numerose volte. :lol:

:?: ....scusa, non l'ho capita.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 02/03/2014, 9:41 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12954
Località: Arese
Gianni Ferrara ha scritto:
Paddy ha scritto:
Sappiamo che ci hai provato e dal numero di post anche numerose volte. :lol:

:?: ....scusa, non l'ho capita.



C'erano due thread identici ;)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 02/03/2014, 16:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2011, 19:52
Messaggi: 976
Località: Ferrara
Paddy ha scritto:
Gianni Ferrara ha scritto:
Paddy ha scritto:
Sappiamo che ci hai provato e dal numero di post anche numerose volte. :lol:

:?: ....scusa, non l'ho capita.



C'erano due thread identici ;)

:roll: ops, scusate....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 03/03/2014, 9:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 22/11/2009, 10:47
Messaggi: 1244
forse è per lo stesso motivo che già in precedenza tutto si è spento...................... ormai alle olimpiadi solo prodotti che sono sinonimo di roba da vendere.
Ultima barca a resistere, dove far salire uno che pesa più di 80Kg, è il Finn. Tra poco si faranno i percorsi di regata come già in uso nello sci: due scafi lanciati sullo stesso tragitto, affiancati, ed il cronometro a stabilire chi vice. Niente da capire, ma lo spettacolo è assicurato. Nuova visione della vela e del mare: in un noto negozio di biciclette ho visto un nuovo modello, serve per correre sulle spiagge........su cui è proibito approdare con una deriva. E poi i nuovi film: dove un naufrago, novello Maiorca, ha una barca che non affonda mai; bè a dire il vero poi il regista è stato costretto, vincendo il malincuore di chi l'ha fornita. Una barca che sembrava uscita dall'uovo di pasqua regalato a nostro marinaio, che tranquillamente scopriva cosa aveva dentro, ed un tipo di batterie che vorrei veramente avere: di quelle subacquee. Peccato però che queste batterie si scarichino subito. Un ultima domanda: come ha fatto il container a colpire l'antenna del VHF?...... forse sono uscito dal tema ma questa nautica moderna ti piglia proprio per i capelli..............Scusate.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 03/03/2014, 10:08 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
franco ha scritto:
forse è per lo stesso motivo che già in precedenza tutto si è spento...................... ormai alle olimpiadi solo prodotti che sono sinonimo di roba da vendere.
Ultima barca a resistere, dove far salire uno che pesa più di 80Kg, è il Finn. Tra poco si faranno i percorsi di regata come già in uso nello sci: due scafi lanciati sullo stesso tragitto, affiancati, ed il cronometro a stabilire chi vice. Niente da capire, ma lo spettacolo è assicurato. Nuova visione della vela e del mare: in un noto negozio di biciclette ho visto un nuovo modello, serve per correre sulle spiagge........su cui è proibito approdare con una deriva. E poi i nuovi film: dove un naufrago, novello Maiorca, ha una barca che non affonda mai; bè a dire il vero poi il regista è stato costretto, vincendo il malincuore di chi l'ha fornita. Una barca che sembrava uscita dall'uovo di pasqua regalato a nostro marinaio, che tranquillamente scopriva cosa aveva dentro, ed un tipo di batterie che vorrei veramente avere: di quelle subacquee. Peccato però che queste batterie si scarichino subito. Un ultima domanda: come ha fatto il container a colpire l'antenna del VHF?...... forse sono uscito dal tema ma questa nautica moderna ti piglia proprio per i capelli..............Scusate.


Sei proprio vecchio... ;)
Non ti sai godere un film. E' vero che essendo rari i film di vela, quando ne compare uno le aspettative sono molto alte, per tipi come noi.
Immaginiamoci come appaiono i film di guerra per un mercenario, i film western per un cavaliere, i film di zorro per uno che tira di spada, i film in montagna per gli alpinisti eccetera.
Ma non è ovviamente il container a colpire il VHF. E' solo una sfiga in più, giacché, come sai, piove sempre sul bagnato.

E con ciò siamo usciti fuori tema.
Torniamoci: forza Gianni, al diavolo la regata, le stazzature, gli arbitri, viva la vela di base.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 03/03/2014, 12:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 3040
Località: (UD)
Peccato per l'euro micro...

certo che 250€ per una stazzatura... non sono mica pochi.. dubito che con quei costi troviamo flotte di micro disposti a regatare...
urge trovare una soluzione "alternativa"...

Ma le barche di "serie" non possono avere una stazzatura di tipo?
che so.. stazzato un microchallanger la stazzatura si estende a tutti i microchallanger.. posto che autodichiari di non avere esegutito modifiche strutturali allo scafo/attrezzature e di essere quindi pari al modello stazzato?
Per le vele non si puo' fare qualcosa di simile dal velaio? In fondo... se do quelle misure al velaio..

Salvo verificare (tipo antidoping) a campione la corrispondenza delle dichiarazioni.

In fondo abbiamo 4-5 tipi di barche in giro:
micropomo
stag 18
viko 20
microchallanger


Certo se poi chiami tutta europa, ti devi adeguare al loro standard... c'e' poco da fare.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Noi ci abbiamo provato....
MessaggioInviato: 03/03/2014, 17:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 22/11/2009, 10:47
Messaggi: 1244
Quando ho rimesso in sesto il Fireball, per poterlo stazzare dovetti risalire alla targhetta del costruttore dove è riportato il numero dello scafo registrato dalla IYRU. Poi, far compilare da uno stazzatore abilitato per la classe, la parte del measurement form relativa alle eventuali modifiche post costruzione( es timone rifattoex novo). E successivamente richiedere duplicato del certificato di classe FIV e nuovo numero velico Italiano (lo scafo è nato in Olanda). I documenti, per altro, non sono mai arrivati (come al solito qua da noi). Per le iscrizioni alle regate ad ambito nazionale comunque bastava presentare la copia e la registrazione della raccomandata di richiesta, assieme alla targhetta fissata sullo scafo e copia del doc stazzatore. Quando ho regatato sul Garda con Svizzeri e Olandesi( sono arrivati prima loro di tutti noi) sono stati molto fiscali ed anno appuntato tutto associandoli al numero velico provvisorio ( ricordo che ho dovuto togliere l’ultima cifra per non avere numeri uguali ad una ipotetica altra barca). Dpo questa pataffiata, visto che i Microchallanger e i Micropomo a suo tempo hanno partecipato a competizioni internazionali è possibile che le case di costruzione abbiano un registro delle barche costruite e stazzate e possano fornire i documenti della produzione di serie. Per le vele occorre seguire la procedura in uso anche ai tempi della classe IOR ( io sul fireball usavo le vele di un amico stazzate e firmate con tanto di timbro arrecante il numero e il nome dello stazzatore). Per i Viko che non hanno mai avuto velleità di iscrizione FIV occorre: _
1)recuperare un RUOLO DI CLASSE relativo ai MICRO 5,50
2)Ottenere il numero di matricola dello scafo/ e certificare che le misure del RUOLO DI CLASSE siano corrispondenti.
3) Richiedere il numero velico ITA-xxx alla associazione internazionale
4) Trovare uno stazzatore idoneo per la classe che verifica le idoneità di quanto riportato al punto (2)
5) inviare il tutto alla FIV – Ufficio stazze che esaminerà la completezza delle informazioni e rilascerà il Certificato di stazza .
UNA DOMANDA : MA LA FIV HA ANCORA QUALCOSA DELLA CLASSE MICRO A CUI FARE RIFERIMENTO???

P.S. come mai non appare più la parte per allegare foto e documenti?


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it