Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 27/03/2019, 4:38

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 1. Strategia di Bordeggio - prima parte
MessaggioInviato: 04/07/2013, 19:41 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4365
Località: un romano a Carmagnola (TO)
1. Strategia di bordeggio -1

Nonostante il titolo un po’ altisonante, queste prime note sono dedicate ai principianti.

Tu sei un principiante che può/deve leggere il seguito se:
- sai fare una virata, magari anche più di qualcuna;
- hai la pretesa di fare della navigazione costiera;
- :roll: non “sai” e/o non “sai fare” molto altro… :twisted:

Bene, di certo sai che contro vento non si va.

Anzi, sai anche che l’angolo di ‘risalita’ – per noi angolo di bolina – è circa 45° verso la direzione di provenienza del vento reale (1).

:roll: Un detto che riguarda il bordeggio recita: “due volte la strada, tre volte la fatica, quattro volte la rogna”.

Vediamo allora di pianificare le cose per non farlo diventare “quattro la strada, cinque la fatica, sei la rogna”… :evil:

Nello schema sotto ho riportato una ipotetica linea di costa, due punti convenzionali per partenza e arrivo, la direzione del vento (sul naso, ovviamente!) e quindi la rotta teorica, in arancio, che congiunge i due punti: questa è – ripeto: teoricamente – la più rapida che ci è consentito di pianificare per una navigazione a vela.

Qualche volta, ma solo qualche volta, la pratica può prendersi il lusso di aderire tout-court alla teoria; in questo caso prendi una mura, navighi fino a rilevare al traverso (45° + 45°) il tuo obiettivo, viri, ed eccolo lì, davanti al tuo naso..!!

Non va sempre così; anzi non va quasi mai così!

Ad esempio, sulle coste tirreniche durante la giornata la brezza estiva tende regolarmente a girare in senso orario, e nell’esempio in figura puoi immaginare di poter virare prima del previsto…
Ma non voglio anticipare, ne parliamo in altra occasione (2)

Quello che sottolineo qui è ad es.:che tirare un solo bordo verso il largo ti porterebbe fuori delle 3 miglia canoniche (sei una persona seria, tu…).
Oppure potrebbe succedere che, per la distanza e per causa di una visibilità non perfetta, quando ti trovi circa in Y non riesci a vedere il punto di arrivo, e/o a stimare con precisione decente quando lo hai al traverso e devi virare.
Oppure il vento potrebbe saltare a tuo sfavore…
Come, a sfavore? Peggio di così!!??
Ebbene sì, il peggio non è mai morto, come diceva un buon vecchio quando ero giovane.
Pensa di essere arrivato in prossimità del punto dove avevi pianificato la virata; il vento cala… e poi si mette a spirare proprio dal punto dove volevi andare!!! Succede, succede..!!

E allora?
Allora pianifica un bordeggio come propone la spezzata in verde:
- prendi le uniche mure possibili per non andare in costa, qui le mure a sinistra;
- percorri circa la metà del “nuovo” primo bordo “teorico”
- vira e percorri circa la stessa distanza sulle mure opposte.
Allegato:
sTRATEGIA DI BORDEGGIO.JPG
sTRATEGIA DI BORDEGGIO.JPG [ 14.49 KiB | Osservato 8405 volte ]

In questo modo ti sarai riportato (in X) approssimativamente sulla linea congiungente i punti di partenza e di arrivo. Sarai circa a metà percorso, e non ti resterà che ripetere la “strategia”.

Con la differenza che:
- col trascorrere del tempo, aumenta la probabilità di variazioni sensibili nella direzione del vento; aggiornare la strategia può essere necessario, e trovarti il più vicino possibile all’obiettivo non fa certo male: confronta le distanze di X e di Y da dall'obiettivo. Inoltre, col vento in direzione B-Y, il tratto da percorrere a partire da Y sarà di nuovo un bordeggio, mentre X-B sarà una rotta diretta, di bolina.
- anche senza salti di vento, ripetendo più volte lo stesso tipo di bordeggio “a stringere” avrai il vantaggio di poter stimare con maggior precisione il momento opportuno per ciascuna virata, compresa l’ultima, quella che ti porterà a destinazione.

"Già, ma se il vento non salta? Non era meglio fare una virata sola invece che perder tutto quel tempo a far mille virate?"
Abbiamo stabilito che “se leggi queste note è perché sei un principiante”. E allora allenati a virare e a stimare il momento giusto per manovrare; non può farti che bene..

"Va bene, allora faccio come dice il Tramp. Ma se il vento salta che cosa devo fare?"
Valuti la nuova situazione e ti dirigi sull’obiettivo col nuovo vento; e se ciò richiede ancora un bordeggio, vedrai che ti verrà naturale decidere di riapplicare la strategia suggerita.

E se invece non hai capito e continui per bordi lunghi, "sei una crapa!" (questo lo diceva mia madre..).

oh, puoi sempre mettere motore, ovviamente… :evil:
… ma non prima di esserti iscritto ad un altro forum… :evil: :evil: :lol:


Domande? Osservazioni?

_____________________

(1) il vento è generalmente identificato per la sua direzione di provenienza (“vento da..”); al contrario di quanto si usa per la corrente, che invece è definita dalla sua direzione-obiettivo (“corrente per..”). Si dice anche “il vento viene, la corrente va…"

(2) Già più volte nel forum si è parlato di argomenti che con queste note hanno molto a che fare, ma che mancano proprio di una base di partenza decente (che poi sarebbe l'obiettivo di queste note). Il caso più evoluto è stato già sviluppato da "zk", ed è la piena comprensione anche di quel suo post che vorrei raggiungere, magari con l'aiuto di qualcuno.
Invece qui, prossimamente, altre note solo un po’ più avanzate sul bordeggio.

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 04/07/2013, 23:52 
Procuro cartina, squadrette, compasso, gps...attendo il seguito!


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 7:38 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12618
Località: Arese
Tramp ha scritto:
Strategia di bordeggio -1
.....
Ad esempio, sulle coste tirreniche durante la giornata la brezza estiva tende regolarmente a girare in senso orario, e nell’esempio in figura puoi immaginare di poter virare prima del previsto…
Ma non voglio anticipare, ne parliamo in altra occasione (2)...


Solo un appunto sulla strategia. Essendo vera questa affermazione conviene tirare il primo bordo il più lungo possibile (non oltre le 3 miglia, ma perché poi 3?) fino ad un punto all'incirca a 2/3 del teorico punto Y perché sul secondo bordo con la rotazione del vento pur partendo poggiato rispetto alla layline diventerà man mano migliore.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 9:38 
Paddy ha scritto:
Tramp ha scritto:
Strategia di bordeggio -1
.....
Ad esempio, sulle coste tirreniche durante la giornata la brezza estiva tende regolarmente a girare in senso orario, e nell’esempio in figura puoi immaginare di poter virare prima del previsto…
Ma non voglio anticipare, ne parliamo in altra occasione (2)...


Solo un appunto sulla strategia. Essendo vera questa affermazione conviene tirare il primo bordo il più lungo possibile (non oltre le 3 miglia, ma perché poi 3?) fino ad un punto all'incirca a 2/3 del teorico punto Y perché sul secondo bordo con la rotazione del vento pur partendo poggiato rispetto alla layline diventerà man mano migliore.


Intendi insistere anche se da scarso per sfruttare il buono successivamente o di insistere fino al primo scarso per poi virare?


Top
  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 9:45 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12618
Località: Arese
Fidi75 ha scritto:
Intendi insistere anche se da scarso per sfruttare il buono successivamente o di insistere fino al primo scarso per poi virare?


Virando al primo scarso si andrebbe sul bordo buono, ma il vantaggio lo abbiamo solo se è quello in layline.

Proprio perché da scarso la layline dell'altro bordo andrà progressivamente migliorando, il massimo sarebbe sapere o calcolare nel tempo con quale velocità l'angolo del vento cambia con questo parametro e conoscendo la lunghezza del bordo all'obiettivo si può arrivare a sapere quando converrà virare. Il momento sarà ovviamente prima di quando saremo in layline.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 11:27 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4365
Località: un romano a Carmagnola (TO)
Ma che tipi, 'sti due...

Ok la seconda lezione l'avete fatta voi.
Ma ci sarà pure una differenza tra le mie mille righe (e un faticatissimo disegno :evil: ) e i vostri velocissimi scambi in punta di fioretto?

Forse dico forse i miei (/vostri?) destinatari avranno anche capito... nel qual caso li promuovo tutti e ve li lascio felice... per me e per loro!

:shock: Ohhh.. ma mi sembra di ricordare ...
viewtopic.php?f=13&t=4166&hilit=regolata

Good Grief.. diceva... chi lo diceva? :twisted:

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 11:30 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12618
Località: Arese
Scusa non sapevo. Però sei amministratore quindi puoi fare dei thread chiusi dove puoi scrivere solo tu, così nessuno te li sporca. Così come puoi cancellare quello che vuoi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 11:41 
Non connesso

Iscritto il: 25/12/2012, 20:42
Messaggi: 1009
Località: Como
Paddy ha scritto:
Tramp ha scritto:
Strategia di bordeggio -1
.....
Ad esempio, sulle coste tirreniche durante la giornata la brezza estiva tende regolarmente a girare in senso orario, e nell’esempio in figura puoi immaginare di poter virare prima del previsto…
Ma non voglio anticipare, ne parliamo in altra occasione (2)...


Solo un appunto sulla strategia. Essendo vera questa affermazione conviene tirare il primo bordo il più lungo possibile (non oltre le 3 miglia, ma perché poi 3?) fino ad un punto all'incirca a 2/3 del teorico punto Y perché sul secondo bordo con la rotazione del vento pur partendo poggiato rispetto alla layline diventerà man mano migliore.


Può darsi che abbia interpretato male, ma....se fosse buona l'ipotesi della rotazione in senso orario del vento, considerando che le nostre barchette raggiungono una maggior velocità avvicinandoci al traverso, non converrebbe tirare lungo il primo bordo fin quando possibile e poi virare per raggiungere B un pò più poggiati e quindi più velocemente?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 12:04 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12618
Località: Arese
Carcat ha scritto:

Può darsi che abbia interpretato male, ma....se fosse buona l'ipotesi della rotazione in senso orario del vento, considerando che le nostre barchette raggiungono una maggior velocità avvicinandoci al traverso, non converrebbe tirare lungo il primo bordo fin quando possibile e poi virare per raggiungere B un pò più poggiati e quindi più velocemente?



VMG (Velocity Made Good) è la velocità migliore che possiamo tenere rispetto all'obiettivo quando questo è nel letto del vento.
Ogni barca ha la sua VMG. Ponendo ad esempio un vento di 10 nodi da 0°.
Con un Meteor saremo in grado di raggiungere la velocità critica pur mantendoci di bolina stretta, poggiando andremo a ridurre l'apparente e la nostra velocità diminuira.
Con il Viko a parità di prua la velocità decisamente inferiore starà a me, armato di tabelle, decidere se mi conviene poggiare, e fare più strada, aumentando la velocità.

Es: Obiettivo al vento, distanza 5 miglia.
Prua 45° distanza 10 miglia
Prua 70° distanza 15 miglia
Meteor prua 45°, velocità 5 nodi, tempo 2 ore. Prua 70° velocità 4 nodi, tempo 3 ore
Viko prua 45°, velocità 3 nodi, tempo 3h30'. Prua 70°, velocità 5 nodi, tempo 3 ore.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Strategia di Bordeggio - 1.
MessaggioInviato: 05/07/2013, 12:31 
Non connesso

Iscritto il: 25/12/2012, 20:42
Messaggi: 1009
Località: Como
Sicuramente mi sono spiegato male e forse capito peggio, ma, se il vento ruota in senso orario il mio obbiettivo B non sarà più nel letto del vento ma discosto a sx del letto di tanti gradi pari a quelli della rotazione, quindi la distanza da percorrere è la stessa ma con una andatura più larga quindi più veloce se la mia barca raggiunge una maggior velocità al traverso rispetto ad una bolina stretta.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it