Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 17/01/2019, 17:45

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Croazia 2011 - Il racconto
MessaggioInviato: 30/08/2011, 16:52 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12606
Località: Arese
Un Viko 20, 4 persone, un progetto coltivato per anni forse un po' folle: 3 settimane interamente in barca su una che "non è barca".


Domenica 7 agosto, ore 16,30
Dopo mesi di preparazione molliamo gli ormeggi e iniziamo quella che per anni è stato l'obiettivo per il quale Vikolocorto è stato comprato.
Il viaggio procede bene, spedito, senza intoppi e con pochissimo traffico, a Brescia ci fermiamo per prendere contatto con l'altro equipaggio che giunge da Torino. Anna, Laura, Giulia e Gianni, una famiglia che non abbiamo mai visto e solo io ho sentito un paio di volte per telefono; sappiamo che sono appunto di Torino, che hanno un Viko, poca esperienza, ma nulla più. C'è quindi un po' di ansia visto che passeremo 20 giorni insieme. Sono circa le 18 quando arrivano e finalmente ci conosciamo, paiono simpatici.
Ripartiamo per i successivi 600 km pieni di soste per fare gas e di pause per piccoli pisoli.

Lunedì 8 agosto
Alle 7 del mattino siamo al porto di Biograd, il Marina Kornati, entriamo e ci indicano l'ampio piazzale dove poter armare le barche, così mentre le signore si recano in capitaneria per le formalità e alla direzione per il pagamento (deposito auto e carrello, ma anche l'ormeggio per tutto il periodo per mia tranquillità) ci occupiamo delle barche caricando noi le poche cose necessarie e loro la tonnellata di masserizie.

(Considerazione: i forum sono pericolosi se non si ha anche una propria esperienza. Se ci si legge "non so dove stoccare i 18 rotoli di carta igienica che mia moglie consuma" non significa che bisogna portare 18 rotoli di carta igienica!)


Alle 13 siamo al pontile assegnato per la prima notte, alle 14 al ristorante per un lauto pasto. Sono sveglio dalle 7 del giorno prima e devo dire che un po' di stanchezza c'è.

Immagine

Martedì 9 agosto
Immagine

Ci siamo. Prima uscita in MARE. Obiettivo Vrgada un'isoletta a poco più di 5 miglia verso SE. Molliamo quindi gli ormeggi in linea di fila e procediamo lungo il canale fra Pasman e la costa con una leggera brezza al giardinetto perfetta per dare randa e fiocco e procedere con il vento al giardinetto. Noi gli altri purtroppo palesano l'inesperienza aprendo solo il fiocco e combinandolo con il motore.

Immagine

(Considerazione: prima di intraprendere un'esperienza di questo tipo sarebbe bene essere molto ben preparati e coscienti)

In un'ora siamo a Vrgada, davanti a questa un isolotto e fra le due un discreto numero di boe, ne scegliamo 2 su 2 metri di fondale e ci ancoriamo per bagno e pranzo. Il posto è molto bello e già pregusto la possibilità di passarci la notte, nemmeno il tempo di digerire l'idea che il vento inizia a soffiare da NO giusto la traversia della baia, ancora non sapevo, ma sarà una costante per tutta la vacanza, qualsiasi previsione di cambio di direzione veniva smentita da un maestralino sui 10/15 nodi nel pomeriggio. Molliamo quindi gli ormeggi e lottando con onde ripide e fastidiose, anche queste una costante probabilmete dovuta ai bassi fondali. Per sera siamo comunque a Biograd, scendiamo a terra per gli ultimi preparativi soprattutto per l'acquisto delle tessere telefoniche e internet.

Mercoledì 10 agosto
Presa chiavetta e subito c'è conferma meteo di bora, borino in realtà visto che non supera i 20 nodi, ma noi preferiamo rimanercene tranquilli limitandoci ad un bagnetto alla "spiaggia" del paese, alla spesa e alla pianificazione dei giorni successivi, la bora infatti dovrebbe cadere già nella notte, anzi è prevista una stabilizzazione della pressione per almeno una settimana.
Decidiamo quindi di partire presto la mattina per una prima giornata "spezzata" prima una baia a 8 miglia e quindi una seconda con gavitelli a 5 miglia.

Giovedì 11 agosto
Immagine

Molliamo gli ormeggi dopo aver fatto acqua, da parte mia 20 litri in cisterna 10 nella tanica molle e 10 nel solar power, la rotta è SE per uscire dal canale quindi aggirando Pasman 3 miglia fra le isole fino a Landin un'insenatura con un fondo di sabbia sui 4/6 metri. Nessun pericolo e poche difficoltà, unica attenzione alle coltivazioni di cozze e ad un passaggio con bassi fondali tra Pasman e Zizanj, passaggio che poi vedremo essere praticato tranquillamente da tutti.
Così alle 11 siamo all'ancora a Landin in 3 metri di fondo di sabbia a 20 metri da riva con un maestrale sui 10 nodi mentre i nostri compagni preferiscono una boa un po' più lontana. Dopo aver controllato l'ancora faccio qualche bracciata fino a riva dove mi è parso di scorgere un ristorante, non prevedevamo in effetti cene fuori nei primi 3 giorni, ma una cosa che odio è fare programmi e quando mi capita faccio di tutto per disattenderli. Così poco prima delle 12 sono a riva a contrattare con un pescatore sul pescato del giorno e sul suo compenso per cucinarcelo; ci accordiamo per 6 kg di orate, vino e coca cola e qualche contorno per 100 kune a testa, senza avvisare gli altri (errore imbarazzante) mi accordo per farci venire a prendere per le 19 torno così alla barca a provvedo a spostarmi ad una boa che nel frattempo si è liberata. Niente secondo trasferimento quindi, per la notte si rimane li.

Immagine

Immagine

Alle 18 dalla banchina si stacca il gozzetto del pescatore e noi ci prepariamo a trasbordare, in pochi minuti siamo tutti sbarcati a terra e pronti per la cena, nonostante l'ora non certo tarda abbiamo l'acquolina in bocca per ciò che si vede sulla griglia; oltre al pesce sono già pronte quantità di patate lesse, zucchine e melanzane alla griglia e dei fantastici pomodori, vino e coca come promessi, mentre i ragazzi giocano sulla battigia noi ci dedichiamo a demolire il primo dei 4 litri di bianco, calduccio e resinato, ma piacevolmente rinfrescante.
Alle 21 prima che faccia buio ci riaccompagnano in barca.

Venerdì 12 agosto
Immagine

Saline è a solo 3 miglia da qui, decidiamo per saltare direttamente alle incoronate, precisamente a Zut dove mi è parso di individuare una baia ben ridossata dove poter ancorare anche per la notte. Facciamo quindi rotta verso nord e poi ovest sorpresi sin da subito dalla quantità di isole isolette scogli e secche che si frappongono fra noi e la meta, la baia di Hiljaca.

Immagine

Ivi arriviamo poco prima delle 12, un rapido giro della baia per individuare il luogo adatto per l'ormeggio. Purtroppo le zone di sabbia sono già tutte occupate scelgo quindi un'area di scogli sui 3 metri in modo da poter facilmente scendere a disincagliare nel caso l'ancora dovesse incastrarsi, diamo fondo contemporaneamente e così ne approfitto per controllare entrambe le ancore, qui con somma sorpresa mi accorgo che la loro Danforth non è per nulla una danforth e che la catena è miserrimamente corta. Impossibile in quelle condizioni pensare di passare la notte in rada con un minimo di sicurezza, così mentre tutti si dedicano al bagnetto io parlo con l'altro comandante delle possibili soluzioni, in realtà ho una seconda ancora (nel caso perdessi questa), ma in macchina e non ho voglia almeno per ora di tornare a prenderla, poco a nord c'è un marina ACI e arrivandoci non tardissimo esiste la possibilità con i charter ai cambi equipaggio, di trovarvi posto, so essere il più caro della Croazia, ma non vedo altra soluzione se non farsi 20 miglia fino a Biograd.
Nel tardo pomeriggio ormeggiamo quindi all'ACI Marina Zut, ad un pontile di cemento che emerge da un'acqua turchese senza molo foraneo e praticamente deserto, nemmeno 5 minuti e siamo tutti in acqua direttamente dal pontile. Già che ci siamo approfittiamo anche delle docce per non intaccare le magre riserve d'acqua dolce. Cena al ristorante del porto, non cara, ma deludente dopo quella del giorno prima.

Immagine

Immagine

Sabato 13 agosto
Immagine

Venerdì e sabato come detto le flotte charter sono nei porti a cambiare gli equipaggi, sono quindi i giorni perfetti per andare nelle zone da loro frequentate una di queste è Telascika, un lungo fiordo che biforca la parte sud dell'isola Otok e con nel lato SO un piccolo lago salato. Per raggiungerla dovremo passare per lo stretto di Katina un canale con poco fondo disseminato di scogli e molto frequentato perché è l'unico ingresso dal mare aperto a nord e sud delle incoronate per 50 miglia. Il passaggio di per se non è difficile, ma sono un po' preoccupato per i nostri "soci", ogni giorno li vedo meno sicuri e sento su di me una responsabilità che non vorrei avere a questo aggiungo che sono molto simpatici e ci troviamo benissimo con loro e non ho nessuna intenzione di scaricarli.
Molliamo quindi gli ormeggi da Zut e in meno di un'ora siamo in prossimità del canale, qui, radio alla mano, do indicazioni a loro su come infilarsi nel flusso di barche che si allineano per l'attraversamento, su quale velocità tenere e su come comportarsi, nonostante l'incrocio da cardiopalma con una nave di 30 metri che per fortuna è capitato a me e non a loro passiamo e siamo dentro nel parco.

Immagine

Subito puntiamo a nord per una prima tratta con l'intenzione di arrivare al campo boe in prossimità del lago salato, scendere a terra e andare a piedi a visitarlo anche qui somma fortuna troviamo 2 boe vicine e soprattutto vicine a terra, metto qualche cosa nella sacca stagna e scendiamo a nuoto e una volta a terra loro si dedicano a visitare i luoghi e io ad una bella Pivo ghiacciata.
Mentre li aspetto comincio a guardarmi intorno, sono su un pontiletto in pietra dove vanno e vengono in continuazione piccoli motoscafi, ci sono delle piccole trappe e il fondale pare pulito da scogli e sassi anche se non sembra superare il metro, e c'è alta marea, nella mezzora che aspetto il loro ritorno mi si forma l'idea che non sia poi così impossibile fermarsi li per la notte. Nulla da eccepire sulle boe, ma i ragazzi hanno bisogno di muoversi, di sfogarsi e se non gli si lascia il tempo necessario diventano poi intrattabili. È sempre stata mia convinzione che la mia vacanza sarà bella solo se lo sarà la loro. Tornati in barca aspetto quindi che diminuisca il traffico dei motoscafi e lascio la boa per approcciare, comunico ovviamente la mia intenzione agli altri dicendogli che nel caso fosse possibile si sarebbero potuti spostare anche loro, ma di attendere perché ovviamente una volta mollata la boa questa viene immediatamente occupata da altri in attesa.
Mi avvicino lentamente, c'è un po' di vento al traverso e con la deriva alzata per metà scarroccio parecchio, ruoto leggermente il motore per aumentare la componente laterale e procedere dritto, mentre accosto il guardiaparco a terra mi fa cenno di fermarmi, so che non è per un divieto ma per la paura del basso fondale, gli urlo in inglese che ho poco pescaggio e così si prepara a prendere le mie cime. Con una facilità che non credevo in pochi istanti sono ormeggiato, fermo tranquillo e protetto dal vento. Chiamo via radio e faccio avvicinare anche gli altri, a parte un contatto un po' rude con il pontile sono anche loro al pontile. Ceniamo al ristorante, noi, e in barca, loro.

Immagine

Domenica 14 agosto
Immagine

Giornata da dedicarsi a Telascika, percorrere il fiordo. Raggiungere il suo apice è poca roba partiamo quindi direttamente a vela anche se il vento è pochino tanto non c'è alcuna fretta. La navigazione è complessa sembra di essere al lago dove il vento salta in continuazione, risaliamo piano piano fino all'ultima parte dove l'insenatura si apre leggermente, ma al contempo ha 2 isolotti nel mezzo che creano una sorta di "8" con circa 100 metri di spazio di manovra e nella sua parte culminante ci sono 4 bestioni sopra i 20 metri ancorati di traverso. Noi comunque non ci lasciamo intimidire e la percorriamo tutta a vela facendo numerosi bordi e passando anche tra i due isolotti con meno di 20 metri di spazio, poco fondo e il vento che rifiuta, finalmente un po' della vela a cui sono abituato.
Dopo la visita integrale cerchiamo e troviamo una boa dove fermarci, questa volta è un po' lontana da riva ed è una sola, la prendiamo comunque e riceviamo poi sul nostro fianco l'altra barca. Così rimaniamo fino al tardo pomeriggio, l'acqua in un'insenatura così profonda non è molto invitante, calda si, ma anche molto torbida, quasi lattiginosa. Facciamo il bagno ma non molto volentieri, anche nuotando fino a riva non si scorge il fondo se non quando si può quasi toccarlo. Alle 16 molliamo gli ormeggi per tornare al pontile della sera precedente dove purtroppo ci fermiamo solo noi perché gli altri non se la sentono viste le difficoltà e preferiscono fermarsi alla boa, sarà il primo sintomo di cedimento della compagnia dovuto proprio all'impreparazione a cui accennavo prima.

Lunedì 15 agosto
Immagine

Soddisfatti dal parco di Telascika, anche se un po' delusi dalla sua bellezza forse troppo decantata, rimettiamo la prua a sud per ripassare Katina e quindi dirigere a nord lungo la costa di Otok, è il nostro 5° giorno e se pur abbiamo ancora tutta l'acqua dolce (noi) le scorte di cibo e kune scarseggiano e necessitiamo di un ormeggio nella civiltà. La meta sarà quindi Sali, un piccolo paesino a poche miglia verso nord.
Il vento è propizio e appena superato lo stretto issiamo la randa e srotoliamo il code0, con 6/8 nodi di Scirocco che ci spingono a farfalla sotto pilota percorriamo velocemente la distanza e poco prima di pranzo siamo già in porto. Le signore alle docce e noi a sciacquare le barche oltremodo salate.
Pomeriggio con un breve bagnetto dagli scogli di sopraflutto e quindi spesa e ristorante caratteristico per cena questa volta tutti insieme.

Immagine

Martedì 16 agosto
Immagine

Dopo il breafing della sera prima si è deciso di tentare qualche notte randagia, boe o ancora, puntiamo quindi verso una passe fra due isole dove il fondale di sabbia e rocce sui 3 metri dovrebbe darci tranquillità e per sicurezza a meno di un miglio è presente una baia con un benzinaio dove solitamente la sera è sempre possibile trovare rifugio. Via allora a vela prima per un'ispezione a Triluke dove i motoscafari mi guardano sconcertati mentre mi infilo a vela fra loro in attesa delle loro tonnellate di gasolio e poi velocemente verso Krknata dove la passe ci aspetta e dove diamo fondo su 3 metri di sabbia che sembra tenere molto bene, purtroppo per la presenza di numerosi charteroni che ormai hanno ricominciato a navigare, rimaniamo un po' esposti.
Bagnetto quindi e poi pappa, ma dopo un paio d'ore da un lato sono stufo di ballare per le onde dei motoscafi e dall'altro si è alzato un bel venticello. Chiamo quindi i compagni e gli comunico la nostra intenzione di andare a tirare un paio di bordi, su la randa e l'ancora praticamente insieme e senza nemmeno abbassare il motore ci infiliamo fra le barche ormeggiate con le vele a segno evitando teste bagnanti e improperi urlanti puntando Srednji a nemmeno 4 miglia con il vento al traverso, un'ora e siamo li l'isola appare bella, ma comunque noi si deve tornare, viriamo e stringendo un po' di più il vento che è nel frattempo diminuito facciamo rotta su Zman dove nel frattempo ho visto sul Giorgiolano un ristorantino niente male. Ed è di bolina stretta che entriamo nel porticciolo dove 2 barche ormeggiate al piccolo molo ci guardano un po' sconcertate quando vengo al vento a 20 metri dalle loro trappe e mi fermo con il fiocco a collo per scrutare il paese, 2 minuti e da una delle due salta fuori un Triestino che con forte accento mi comunica che il porto è di libero uso, che c'è fondo e il ristorante è a buon mercato, ma i posti al pontile non si possono prenotare, passo il fiocco, faccio portare e mi lancio fuori mentre mano al cellulare chiamo gli altri intimandogli se non proprio di filare per cubia almeno di caponare l'ancora più velocemente possibile, mentre navighiamo verso di loro li vediamo sbucare dalla punta dell'isola e subito sventiamo i velacci e le gabbie per attirare la loro attenzione verso la flotta francese uscita da.... ops no quella è un'altra storia... rallentiamo aspettandoli e quindi ritorniamo sui nostri passi per andare ad ormeggiare.
Il porticciolo è molto piccolo e accogliente, ci stanno giuste 3 barche 4 se contiamo le nostre 2 piccoline, a pochi metri un piccolo spaccio, la posta, un ristorante, un piccolo bar e una spiaggetta di ciotoli, insomma perfetto. Dopo l'ormeggio i ragazzi sono subito in acqua e gli adulti possono godersi un po' di siesta sotto gli alberi del lungomare; io vado in esplorazione. Il posto è chiaramente poco frequentato dai turisti, pare più una località di vacanza per locali non ci sono in pratica stranieri se non un gruppo di romani più o meno trapiantati, hanno comprato casa e vi permangono 3/4 mesi l'anno, è alcuni Ticinesi (si proprio del canton ticino) che suppongo comunque essere degli emigranti del posto.

Immagine

Tant'è il posto mi piace proprio e già verso sera la decisione di rimanere li è presa, solo verso le 18 viene confermata dalla signorina che viene a ritirare le 30 kune per l'ormeggio, oltre alla novella del costo esiguo porta infatti con se un corpo da urlo e io rimango estasiato a guardarla mentre annaffia i fiori dei vasi posti a protezione delle banchine.
Cena nel ristorantino suddetto a base di pizza, cevacpcici e dell'immancabile Pivo che qui costa letteralmente meno dell'acqua.
Solito filmetto dei ragazzi a bordo di Vikolocorto e poi a nanna.

Immagine

Mercoledì 17 agosto
Come detto si rimane a Zman. Bagnetti, birrette, bagnetti, birrette, bagnetti, birrette, topa.
Gli altri invece partono per circunnavigare Pasman verso nord e tornare a Biograd passando da Zara.

Giovedì 18 agosto
Immagine

Da qui in poi il diario non l'ho più tenuto, quindi mi baso più su reminiscenze che su fatti, ma tanto voi non c'eravate....
All'inizio della vacanza mi ero posto alcuni puntelli, non più a nord e non più a sud di precisi paralleli, Zman è già più a nord e comunque di cale e calette ancora inesplorate ne ho anche tornando indietro. Una in particolare sull'isola di zut, a nord, si chiama Kutsiceo è una piccola baia con un'isoletta sul davanti e un fondale che il 777 definisce di sabbia, ma con profondità inferiori al metro, praticamente una Vikobaia. Mettiamo quindi la prua a sud e soli soletti proseguiamo la nostra vacanza arrivando alla meta in poche ore con le ragazze che ancora pisolano sotto coperta. L'insenatura non è piccola come me la aspettavo, ci sono molte barche ormeggiate e aggirandomi fra loro sono un po' deluso, solo dopo un po' mi accorgo che quella non è la zona che sto cercando, proprio quando sto per andarmene scorgo infatti quella che credevo un'isola è praticamente uno scoglio e fra questo e la costa c'è una vasta zona turchese con 2 gommoni ormeggiati e alcune persone che camminano con l'acqua alla vita. Detto fatto siamo ormeggiati anche noi non senza difficoltà perché prima di dare volta al calumo dobbiamo comunque calare i 10 metri di catena e su un metro di fondo non è mica facile. Mentre le ragazze fanno il bagno preparo una buona colazione a base di bruschette con pomodorini freschi e wurster ben accolti da tutti.

Immagine

Purtroppo qui non si può rimanere, il fondo turchese non è in realtà sabbia, ma un lastrone di granito che impedisce all'ancora di fare presa, impossibile fermarsi per la notte, ci sono in effetti un paio di moli a terra, ma le case sono abitate e non ho voglia di spiegarmi con i villici per chiedere il permesso per la notte. Prua quindi verso Pasman golfo delle Saline non prima però di una devizione verso nord verso un'isola dove pare esserci un piccolo approdo. Nulla da fare, oltretutto il vento rinforza come sempre e alla fine decidiamo per Saline, una grande baia ridossata con numerosi gavitelli dove entriamo nel tardo pomeriggio quando il vento inizia a calare. Puntiamo prima verso la parte nord dove pare esserci un miglior ridosso, ma purtroppo non ci sono boe libere, volgiamo allora a sud dove cercando boe nel fondo della rada scopriamo una gentile vecchina che da un pontiletto in legno sgangherato ci fa ampi gesti tenendo in mano quella che pare essere una trappa. Una calamita per me, mi avvicino e sempre a gesti le chiedo quanta profondità lei con una mano sullo petto posta di taglio mi indica quello che credevo essere il fondale, mentre col senno di poi credo trattarsi del segno internazionale della "pappa" perché una volta all'ormeggio il mio eco segnava 30 cm! Tantè ci siamo fermati li e abbiamo anche tenuto fede alla simbologia cenando con dell'ottimo pesce "pescato" dalla vecchina in un enorme vasca posta sullo stesso molo e pulito, per santa pace degli animalisti, mentre ancora guizzava.

Immagine

Venerdì 19 agosto
Immagine

Sono le 7 del mattino quando mollo il pontile a Saline con ancora tutta la famiglia che dorme, essendo solo esco con già indosso l'autogonfiabile ben assicurato alla barca e con il motore al minimo passo tra le barche ancora addormentate e appena fuori dalla baia isso la randa e il fiocco spengo il motore e mi lascio portare verso sud dalla leggera brezza, l'obiettivo è una baia che ci è scappata durante la risalita e pare essere niente male oltre che a sole 2 miglia da dove siamo ora e così in nemmeno un'ora vi entriamo placidi con il motore al minimo per non disturbare le barche in rada purtroppo non ci fermiamo, abbiamo infatti deciso di tornare a Biograd per una notte e così riscendiamo tutta l'isola di pasman per poi risalirla dall'altra parte e arrivare al Marina Kornati nell'unico giorno in cui non ci si dovrebbe stare, il venerdì giorno del cambio degli equipaggi dei Charter. Tant'è che ormeggiamo poco dopo le 12 e già poche ore dopo sto cercando sulla carta le prossime tappe della crociera. Nel frattempo infatti ci siamo sentiti via sms con alcuni amici che stanno risalendo la costa per riportare la barca a Venezia, così a cena chiedo agli altri se vogliono venire con noi, ma purtroppo la loro saturazione verso il salino è colma e vogliono prendersi un paio di giorni di riposo a terra.

Sabato 20 agosto
Immagine

Così sabato mattina lasciamo Biograd alla volta di un supposto incontro con Calabuig, un Hanse 40 al comando dell'amico Andrea. L'incontro avverrà a "Zut o in zona", così noi facciamo rotta per la "zona" senza nessuna certezza di incontrarli.
Tanto detto tanto fatto arrivati nella cala di Hiljaca, già visitata in precedenza riceviamo un sms che proprio quella sarà anche la loro meta, con un ETA previsto intorno alle 15. Mancano ancora molte ore e con l'esperienza del fondo della baia che già a tentato di tenersi la mia ancora decido per approcciare il solito pontiletto ospitale dove ovviamente vengo a mia volta accolto da un ragazzino che sorridente mi indica come e dove fermarmi e soprattutto dov'è il ristorante del padre (o del nonno mica ho capito bene), 300 kune per 2 ore di attesa degli amici accompagnate da un enorme vassoio di spaghetti con le vongole, 4 medie e varie coche non mi paiono poi molti.

Immagine

Alle 15,30 arriva calabuig mi chiama via radio e mi informa che non ci sono boe libere, che gli scogli a lui non piaciono e il fondo di posidonia non lo tiene fermo, insomma non vuole stare li. Nema problema, saltiamo in barca e lo seguiamo al Marina Zut che conosciamo a questo punto bene, vi arriviamo un'ora dopo e ormeggiati utilizziamo la sua prua per i tuffi e la mia scaletta di poppa per risalire, una vera sinergia.
La cena trascorre a bordo di Calabuig con una pasta con sugo di pomodori e cipolla che devo dire cominciavo a sognarmi.

Immagine

Immagine

Domenica 21 agosto
Immagine

Il loro obiettivo è molto lontano, Venezia e comunque con i nostri 4 nodi contro i loro 7 li rallenteremmo moltissimo così con discrezione la mattina dopo salutiamo e li lasciamo al loro viaggio puntando nuovamente verso est e verso le baie che ci mancano in particolare quella visitata il 19 e dove non ci siamo fermati.
La baia entrandovi sembra tale, ma poi pian piano si sviluppa diventando un vero e proprio fiordo nel suo lato più a nord, con una larghezza di 50 metri e profondo almeno 200, piccolo per i cabinatoni che frequentano queste zone, ma perfetto per noi. Diamo ancora in 4 metri di fondo sabbioso con una cima a terra e qui rimaniamo a ciondolare tranquilli per tutto il giorno.

Immagine

Immagine

Arriva sera e il vento si fa un po' insistente soprattutto perché ci prende sulla fiancata, l'ancora non ara, ma il tiro è molto forte sarei più tranquillo se avessi rilasciato più calumo ma a questo punto non è possibile e dovrei rifare tutto l'ormeggio, libero quindi la cima a terra e con la barca che si dispone al vento lascio altri 10 metri di cima all'ancora, a questo punto siamo tranquilli a meno che il vento giri perché a quel punto rischieremmo di finire sugli scogli. Insomma così non va bene e in luogo di un nuovo ormeggio tanto vale spostarsi altrove. Altrove è a sud la baia della prima notte con il campo boe e la probabilità di trovare tutto occupato o a nord Saline con il pontiletto certo. A nord quindi, anche se con il vento dritto sul naso. 2 ore di bordi con il Viko che cavalca le onde sbandando parecchio ma sempre in sicurezza fino all'imboccatura dove l'onda si placa immediatamente e con questa il vento, insomma aspettando le 6 saremmo rimasti dove eravamo.
Ma ormai siamo qui, tanto vale cenare.

Lunedì 22 agosto
Immagine

Sentito Giovanni la sera prima, la famiglia è rinvigorita dalla giornata a terra e sono pronti a ripartire. A loro piacerebbe visitare le isole intorno a Murter, faccio presente che è una bella sgroppata andata e ritorno, ma loro sembrano decisi e per me poco cambia partendo prestissimo posso fare metà della strada con la famiglia che dorme. Appuntamento quindi a Vrgada per le 10 e alle 6,30 mollo gli ormeggi come 2 giorni prima allontanandomi fra le barche con il minimo del motore senza disturbare nessuno.

Immagine

Un po' a vela un po' a motore arrivo all'appuntamento con un discreto anticipo, prendo una boa e tutti insieme facciamo colazione e bagno. Alle 10,30 chiamo via radio e ripartiamo dandoci appuntamento lungo il canale che separa Vrgada da Pakostane e da qui mettiamo la prua a sud est con una bella brezza da ovest fino alla passe che consente di entrare nel canale fra Tisno e Murter una zona che conosco avendola frequentata 2 anni prima, così vdrso mezzogiorno diamo ancora davanti al campeggio Jazeera che ben conosco. L'acqua è stranamente, ma finalmente, calda, fino ad oggi non aveva mai superato i 23/24° ora è 26 ma questa piccola differenza fa molto. Rimaniamo quindi a lungo in acqua con i ragazzi che giocano e noi che chiacchieriamo.
Solo verso le 14 noto che il vento inizia a girare sempre più a nord rispetto all'ovest e visto che la decisione di tornare a Biograd in luogo di una sosta in zona è irremovibile, a parte tutto il giorno dopo sussiste la possibilità di un ulteriore rinforzo, facciamo vela.
Parto spedito con tutta la randa e il code0, con 10 nodi al traverso lo sempre tenuto molto facilmente, purtroppo non è già più un traverso ma una bolina larga e la prima raffica mi sdraia al punto che Giovanni sostiene abbia messo i candelieri in acqua, francamente non ci credo, ma tantè il Code viene avvolto in buon ordine e al suo posto viene srotolato il fiocco. Ripassare dal canale del mattino non è pensabile oltre ad avere il vento contro a quell'ora c'è il traffico di rientro e tutti passano di li, rimaniamo quindi lungo costa passando a sud di Arta, una zona di bassifondi e secche, ma ben segnati sulle carte. Pur procedendo spedito di bolina non posso competere con un Viko che va a motore, ecco quindi che in questo frangente per la prima volta mi vedo superare proprio quando il canale stretto e insidioso fra Arta e la costa ci si presenta davanti. A prima vista non pare difficile, è largo almeno 200 metri, poco frequentato e l'isola blocca in gran parte il vento, solo che subito dopo lo stretto tutto il lato destro è cosparso di secche e bassifondi, ben segnalati sulla carta, ma invisibili senza di questa o senza la sua consultazione. Sto per mettere mano al VHF quando li vedo accostare decisi verso sinistra, segno che hanno letto la carta, mi rilasso e proseguo sulla loro scia ormai anche io ridotto alla sola randa per procedere controvento.
Doppiate le secche li perdo di vista. Questo è stato l'unico vero momento di dissenso fra noi, cosa che poi temo non abbiano nemmeno compreso, navigavo ormai da una decina di giorni senza alcun rifornimento di carburante e il mio serbatoio era al lumicino, stimavo circa 3 litri, giocoforza a motore non avrei potuto coprire le 10 miglia rimanenti a motore controvento così nonostante lo avessi fatto presente mi sono ritrovato abbandonato, non ero certo in pericolo Vrgada a sinistra, Pakostane a destra, gli stessi Tisno e Murter perfettamente sottovento avevo numerosi posti dove riparare, ma il giorno dopo ci sarebbe stato ventone e sarei rimasto bloccato li, volevo tornare a Biograd.
Mano quindi alla randa, con drizza e base cazzate al massimo, vang e paterazzo anch'essi a segno, fiocco con 2 giri, pilota, salvagente, life line famiglia a gustarsi un film e via per 4 ore di bolina che mi vedrà entrare in porto solo un'ora dopo di loro alle 19 stanco ma felicissimo dell'impresa. Unico neo la quantità d'acqua imbarcata dalla scassa di deriva che infradicia totalmente i tappeti

Martedì 23 agosto
Gita a Krka. Trattandosi di navigazione terricola mi limiterò a dire che alla fine di tutto NON sono riuscito a mangiare il maialino alla brace, per il resto tutto perfetto.

Mercoledì 24 agosto
Immagine

Siamo tutti un po' stanchi, manca la voglia di allontanarsi troppo quasi attendiamo il momento di alare le barche e ripartire. Peccato però, ci sono ancora molti luoghi da visitare, uno in particolare proprio li di fronte sull'isola di Pasman, una piccola baia quasi circolare vista e rivista ogni volta che passavamo per far rotta sulle incoronate e mai visitata.
La mattina ci vede quindi uscire alla sua volta, solo 3 miglia di navigazione a motore e vi entriamo noi andiamo in fondo ormai alla ricerca di ormeggi sempre più impossibili loro agguantano una boa appena entrati, diamo ancora su 2 metri di sabbia e portiamo una cima a terra, loro a 150 metri da noi. L'idea è stare vicini lasciamo quindi il nostro angolino e andiamo ad attaccarci a loro, le boe sono fatte per barche ben più grandi non soffriranno certo per 2 Viko. Così passiamo la giornata tra tuffi dalla delfiniera ed esplorazioni delle rocce fino alle 15 dove godiamo anche del piacevole intermezzo di un bestione a motore sui 24 metri (targa diporto quindi non poteva essere di più) che tenta di infilarsi tra noi e un paio di gommoni all'ancora in retromarcia con marinai in livrea ovunque e gommone a poppa a tirare a mò di rimorchiatore, tutto accompagnato da panzone e relativa nipote (da parte di fava) mollemente accomodati sui lettini a prua. Solo dopo una ventina di minuti e una mia comunicazione (erano italiani) che le barche alla boa avrebbero invariabilmente brandeggiato prima o poi hanno abbandonato la baia fra gli scroscianti applausi di tutti gli astanti.
Verso sera a seguito di una visita natatoria nel fondo della baia all'onnipresente ristorante inizia ad accarezzarmi l'idea di fermarmi per la notte, purtroppo rimarremmo solo noi e le mie figlie non sentono ragioni così rientriamo tutti insieme a Biograd per passare la serata insieme

Giovedì 25 agosto
Immagine

Ci siamo ormai si sente l'odore di casa. Voglia di navigare ne ho poca perfino io e quasi mi costringo ad uscire per un ultima svikolata Anna, la moglie dell'altro comandante, propone timidamente di andare alla prima baia visitata, ma la sconsigliamo tutti, sono 15 miglia e nessuno ha voglia. Rotta quindi su pasman alla ricerca di un angolino dove fermarsi e tornare presto. Costeggiamo l'isola dopo essere passati fra i 2 isolotti appena fuori dal porto, ma non troviamo un luogo dove fermarci visitiamo anche il porticciolo di fronte, carino e accogliente, ma con un odore di pesce marcio da far venire il voltastomaco. Alla fine entriamo ancora a Zaklopica e ci ormeggiamo alla "solita" boa questa volta direttamente in andana. La giornata trascorre ancora fra tuffi ed esplorazioni, durante una di queste vedrò l'unico polipo della stagione, ma talmente piccolo da decidere di non prenderlo.
Non è invece diminuita la voglia di fermarmi nel ristorantino, durante tutta la giornata continuerò a buttar li l'idea di rimanere per l'ultima notte o quantomeno per cena tornando magari in notturna. Potrei portare tutti a terra con la mia lasciando l'altra al sicuro alla boa. Niente da fare, sono irremovibili e alla fine ci lasciamo per rivederci a tarda sera. Noi accostiamo ad un pontile che sarà forse il più sgangherato mai visto con rocce affioranti tutto intorno e con il ristorante più buono mai incontrato anche se forse il più assediato da vespe e mosche.
Degna conclusione della giornata una bella notturna fino a Biograd.

Immagine

Venerdì 26 agosto
Immagine

Domani si parte e si vuole andar via presto. Necessario quindi iniziare già di buon mattino prima che il sole diventi rovente a smontare le barche. Procedo con ordine e metodo e pian piano partendo da prua cannibalizzo l'intera struttura fino a che verso le 10 tutte le cime sono dissalate e stese ad asciugare e non v'è più nulla a bordo se non il boma per sorreggere il tendalino. Borse e dotazioni le rimandiamo alla serata quando farà di nuovo più fresco. Nessuno ha più voglia di cucinare ci concediamo quindi un ultimo Kebab che in realtà poi si trasforma in cevacecic e patatine.
Nel pomeriggio l'idea sarebbe recarsi alla "spiaggia" se così si può chiamare una gettata di cemento a circa 2 km dal porto, inutile dire che nessuno se la sente, ma i ragazzi hanno le loro necessità così convinco Anna e Giovanni a lasciarmi le figlie per la prima volta e porto tutta la comitiva appena fuori dal porto per un ultimo bagno, così dopo circa un miglio diamo fondo a 100 metri da riva in 2 metri di fondo e li rimaniamo per un paio d'ore a giocare.
Purtroppo nulla dura in eterno, ritirata l'ancora tento di rallentare il rientro mettendo tutte le ragazze a prua e andando alla ricerca di onde per bagnarle, un gioco che piace molto, dopo una mezz'ora siamo in porto, ormeggiamo e ci docciamo presto perché il venerdì è il "charter day" e fra poco ci sarà la calca.
Cena e a nanna presto, domani alle 7 ci aspetta la gru.

Sabato 27 agosto, ore 6,30
Mi sveglio controvoglia, non tanto perché so che è finita quanto perché so che mi aspettano almeno 14 ore di guida.
Cinzia prende l'auto e si sposta dall'altra parte della darsena dove sono le gru e i carrelli io faccio lo stesso con la barca. pochi minuti e siamo al pontile dei servizi dove con mano ormai esperta provvediamo a disalberare. La gru è pronta prima tocca a giovanni e poi a me, mentre gli addetti sollevano la barca vado a prendere il carrello e lo posiziono, Vikolocorto si appoggia sulle selle leggermente storto, chiedo di ripetere l'operazione e questa volta è ben dritto e perfettamente appoggiato, mi sposto nello spazio assegnato e salto in barca per passare le ultime cose rimaste per caricarle in macchina.
Alle 10 docciati con molta calma siamo pronti a partire.

Immagine


Conclusioni:
Il Viko adattandosi è barca adatta a più settimane di permanenza a bordo, forse l'unica cosa che scarseggia è l'acqua, ma ho anche visto che se si cerca di aumentarne le scorte è più per necessità effimera che per reale aumento della disponibilità. 20 litri non sono meno di 50 se si pretende di far la doccia tutte le sere e allora tanto vale averne 20. Noi abbiamo consumato circa 5 litri d'acqua la giorno più che altro per sciacquare le stoviglie dopo averle lavate in mare e per le mani e la faccia la sera, per i denti usavano acqua in bottiglia.
L'altro vero problema è lo stoccaggio dei generi alimentari, non tanto per la conservazione: salame formaggio e prosciutto durano una settimana così come la frutta e la verdura, ma per lo spazio fisico dove metterli. Così anche l'acqua potabile è stato un assillo costante, pur tenendo pacchi da 6 di bottiglie sotto il tavolino non riuscivano ad avere più di 3/4 giorni di autonomia.
I generi personali, vestiti e abbigliamento in genere non sono un problema, limitandosi al vero essenziale dato dall'esperienza passata ce la si cava con una mezza mensola a testa: 2 pantaloncini, 2 magliette, 3 mutande, 2 costumi sono più che sufficienti; noi avevamo un solo asciugamano a testa, consiglierei di averne uno per il sale e uno per il dolce, anche se quelli in microfibra si sciacquano in un attimo.
La flottiglia è stata un'esperienza positiva, considerando che non ci conoscevamo minimamente se non per 2 telefonate la settimana prima. È altresì necessario mettere ben in chiaro quali sono i cardini della propria vacanza e/o essere preparati a sacrificarsi o in ultimo a separarsi ritrovandosi sporadicamente, cosa che noi siamo riusciti a fare, credo molto bene. Non c'è nulla di più imbarazzante di una proposta di ristorante nella quale non si comprende la mancanza di disponibilità finanziaria, parlarsi bene prima e stabilire i budget con coscienza.
Altra cosa importantissima in una flottiglia, e per nostra fortuna (soprattutto mia) ciò è avvenuto in modo naturale, pur discutendo gli itinerari vi deve essere l'accettazione della decisione di un unico leader, il quale ovviamente si prenderà poi la responsabilità. Difetto della flottiglia oltre alla disparità di mezzi (non solo economici) e capacità è il numero stesso, la quasi totalità degli ormeggi visitati sarebbero stati in grado di contenere 2/3 Viko non di più.
Dotazioni di bordo. In realtà serve pochissimo, oltre agli effetti personali, alle maschere per il bagno e alle ciabatte abbiamo imbarcato posate e stoviglie che poi non sono mai state utilizzate, s'è discusso lungamente sulla necessità del tender e ancora se ne dibatterà, inutili totalmente tavolini e passerelle, basilare la delfiniera così come un tendalino ben fatto.
Forse un'ultima cosa la ritengo basilare: l'attrezzatura per l'ormeggio, l'ancora in primo luogo con una catena degna di tale nome e non meno di 50 metri di cima, ma io avevo una seconda ancora da usare in alternativa o appennellarla e se pur inusata mi ha dato tanta tranquillità; una terza ancora a ombrello da tenere a poppa forse mi sarebbe stata utile in un paio di occasioni. Le cime di ormeggio sono anch'esse basilari NO assolutamente a roba di ripiego NO alle vecchie drizze, ma cime vere e dedicate di giusta misura e lunghezza; non ultimo i parabordi che sia in giusto numero e dimensioni, un paio di volte ho rischiato e sono stato salvato da rocce e pontili imperfetti proprio dai miei 6 parabordi
Mille altre cose mi vengono in mente, magari meno importanti, il secchio si, ma meglio di quelli morbidi, la luce in pozzetto, la batteria ben dimensionata, il pannello solare, almeno 20 litri di benzina e un sistema di travaso facile (per un consumo di 1 litro/ora) forse il frigorifero è inutile così come avevamo ma non ci sono serviti a nulla le dotazioni di sicurezza.

Portomio:
I portolani sono, ormai lo so, scritti per altri, dovremmo trovare un portolano per gommonauti, ma anche con quello riuscire a carpire incrociando le informazioni. Un baia con bassi fondali NON è pericolosa per noi, quasi mai, un pontiletto che per noi è una reggia è ignorato totalmente dal 777, un benzinaio con sempre molta coda ci guarda con simpatia quando ci avviciniamo tanica alla mano sbarcando al pontile vicino. Insomma per essere utile in qualche modo dovrei prendere pagina per pagina il 777 della zona che ho visitato e riscrivere praticamente tutti i commenti. Temo che questo non sia possibile, da un lato per il lavoro improbo e dall'altro per l'assunzione di responsabilità che non intendo prendermi, forse anche perché ho inteso che quanto scrivo è preso un po' troppo alla lettera da molti soprattutto senza richiedere una conferma diretta. Non voglio più sentirmi dire che non si sa dove mettere i 18 rotoli di carta igienica che io avrei detto di portare.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Croazia 2011 - Il racconto
MessaggioInviato: 31/08/2011, 10:15 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12606
Località: Arese
Parliamo del Budget? In effetti è stato uno dei momenti di attrito o forse più di imbarazzo.
Pianificavo questa avventura da parecchio tempo ed ero preparato alla spesa, cosciente che non potevo esimermi dallo spendere quanto necessario per la buona qualità. Tutto ovviamente rapportato alle necessità del mio gruppo familiare, palese che una coppia di 25 enni senza figli possono permettersi di fare ben altro. Se si è in camper si può decidere, in questa configurazione è molto difficile, come detto quando le "faccine" ti guardano speranzose anche solo della concessione di due passi in centro per un gelato non puoi farne a meno è in ballo la buona riuscita del progetto.

Veniamo ai dati:
- Viaggio: 800 km preventivato una spesa di circa 200 euro di carburante, di fatto ne abbiamo speso la metà. L'Agila consuma molto meno alle basse velocità. Il caso dell'altra auto è stranamente diverso, un fuoristrada non diventa parco riducendo le medie, anzi. Autostrada circa 100 euro, accessori al viaggio altri 50 euro.
- Varo e alaggio: il totale è poco più di 100 euro, credo quindi sia giustificato l'uso della gru.
- Deposito auto e carrello: in realtà l'auto avremmo potuto lasciarla per strada, ma per buona pace e per poterne fruire come magazzino volante abbiamo deciso di pagare il parcheggio all'interno del porto: totale 500 euro.
- Porti e approdi: per tranquillità abbiamo deciso di pagare l'ormeggio per tutto il periodo nel porto di partenza, con il senno di poi s'è visto che non è utile; posto nei porti si trova sempre e avremmo così risparmiato circa 400 euro. I porto giornalieri sono anche questo necessari ogni 3/5 giorni per rifornire e desaturare i prezzi in croazia sono abbastanza bassi e si attestano sui 20 euro, con una sola accezione, le boe invece costano 5/10 euro il totale è quindi di circa 200 euro per i porti e di 100 per le boe.
- Spesa alimentare: colazione e pranzo si consumano a bordo, solitamente noi preferiamo succo e biscotti a colazione e salumi/formaggi con pane e una verdura/frutto a pranzo, cuciniamo pochissimo: spesa giornaliera circa 20 euro.
- Ristoranti: come detto è una fetta consistente del nostro budget, serve a limitare le spese dei porti/boe, ma anche e soprattutto a consentire lo sbarco serale ai ragazzi che possono così dedicare qualche ora allo svago terricolo dall'esplorazione del territorio al gioco con l'immancabile animale alla convivialità con altri ragazzi. La media di una cena è di 40 euro che scendono a 25/30 se ci si limita (ove presenti) a pizza o kebab.
Ultimo il costo carburante. In circa 200 miglia percorse ho consumato circa 20 litri di benzina, meno di 30 euro.

Per 20 giorni il totale è quindi di
Viaggio A/R 700 euro
Varo alaggio 100
Deposito auto carrello 500
Porto fisso (evitabile) 400
Porti 30% dei giorni 200 euro
Boe 30% 30 euro
(nei rimanenti giorni siamo stati in rada/ristorante/porto di armamento)
Ristoranti 400/500 euro
Gelati bibite generi di "seconda necessità" 200 euro
Carburante 30 euro

Totale 2500/3000 euro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Croazia 2011 - Il racconto
MessaggioInviato: 02/09/2011, 11:30 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12606
Località: Arese
Il portolano 777, le carte autiche, il GPS garmin e le mappe su iphone. Questi gli ausilii alla navigazione che utilizzo.
A parte il 777 gli altri sono tutti complementari e si sostituiscono a vicenda, anche se ognuno ha delle peculiarità.

Ma nessuno è completo e non lo è nemmeno il loro insieme, non potrebbero esserlo nemmeno in senso generale, men che meno nello specifico delle problematiche dei marinai di terraferma. Anche tralasciando che non esistono indicazioni su scivoli e aree organizzate per il deposito dei carrelli che è il nostro primo problema non vi sono indicate le zone a noi aperte se non interpretando al "contrario" alcuni pericoli alla navigazione. Così un'insenatura con bassi fondali è per noi un'amena rada dove fermarsi in sicurezza e un porto con pochi approdi per barche con pescaggio inferiore al metro un luogo incantato, ma come detto bisogna interpretare. Esiste poi anche il contrario, una passe fra due isole con fondale buon tenitore non indica che è presente risacca per il passaggio di natanti, non lo indica perché non è fastidiosa per un 12 metri da 10 tonnellate!

Qui di seguito proverò a descrivere le zone che ho visitato indicando dove possibile le peculiarità a noi più vicine, tralasciando al contempo ciò che già si trova sui portolani GPS e carte.

Porti:
• Biograd 43°56'29" N - 15°26'29"E, porto di varo e alaggio: facile l'accesso dalla statale, ampio il piazzale dove armare le barche, comodo il parcheggio delle auto e dei carrelli, i gruisti sono un po' sbrigativi, in acqua un lungo molo tecnico da spazio e tranquillità per armare. Posti in transito disponibili con facilità tranne il venerdì e sabato per la presenza dei charter.
Ormeggio 33 euro al giorno (sconto 30 se si prenota più di 20 giorni)
Deposito carrello circa 5 euro al giorno
Deposito auto circa 11 euro al giorno
Varo 60 euro
Alaggio 48 euro

• Pakostane 43°54'22" N - 15°30'20"E: accesso dalla statale non dei più semplici con 2 passaggi con curve a gomito, posti in transito su bassi fondali, gru da 2 tonnellate, scivolo praticabile, assenza di servizi a terra e luce e acqua saltuaria, parcheggio carrelli e auto 8 euro al giorno in piazzale più o meno custodito.

• Vrgada 43°51'26" N - 15°30'08"E: porticciolo di pescatori, alcune banchine accessibili per la sosta, talune di proprietà di ristoranti, passaggio periodico di traghetto che alza onda. All'esterno del porto
Nessun costo per l'ormeggio

• ACI Zut 43°52'57" N - 15°17'22"E: porto molto caro, per le piccole possibilità di ormeggio all'inglese sul retro del molo difficile quindi non trovare posto.
Costo per un 6 metri circa 45 euro esclusa luce e acqua

• Sali 43°56'14" N - 15°09'56"E:, posizione strategica sull'isola Otok, ottimo per rifornimento e doccia, accettano anche barche piccole e nel lato sinistro in fondo sono presenti alcune trappe fruibili praticamente solo da piccole imbarcazioni
30 euro compreso luce e acqua

• Zman 43°58'14" N - 15°06'56"E: porto praticamente dedicato alle piccole, fondali in ingresso inferiori a 3 metri nella rada meno di 2 con presenza di corpi morti che limitano ulteriormente, ci sono 6 trappe di cui 2 su fondo di meno di 2 metri. Luce e acqua, ma non servizi, piccolo spaccio aperto la mattina presto e la sera tardi, ristornatino e spiaggia di ciottoli
Circa 15 euro compreso luce e acqua


Pontili e pontiletti:

Rade e campi boe:
• Baia Zaplopica 43°53'51" N - 15°27'02"E: piccola insentatura con 3 boe e la possibilità di ormeggi con cime a terra fino a 4/5 metri dalla riva fondo superiore a 2 metri prestare attenzione ad alcune rocce affioranti, sul fondo lato destro una piccola spiaggia di ciottoli con alcune pali per ormeggio con cime a terra; sul lato sinistro pontiletto con ristorante (100 kune cad [15 euro]. per pesce) lato destro pontile fondo 150 cm lato sinistro 100 cm con alcune rocce affioranti a 2 metri sulla sinistra entrare allineati con il pontile

• Baia Landin 43°54'41" N - 15°23'04"E: ampia baia con numerosi gavitelli (30 kune [4 euro]), sul fondo fondale di sabbia si 4 metri buon tenitore. Ristorante con pontile con fondo di circa 1 metri sulla testa e sul lato sinistro, il lato destro è disseminato di scogli, a fianco un pescatore offre la cena di pesce con circa 200 kune (30 euro), prenotando viene a prendere con piccolo gozzo.

• Baia Prtjug 43°54'52" N - 15°22'32"E: Ampia baia senza gavitelli, si ancora su fondali di 6/8 metri, sul fondo lato destro un piccolo porticciolo ben riparato è privato ma pare si possa ormeggiare con fondo di circa 150 cm. Sul lato sinistro piccola insenatura larga circa 100 metri (20 alla radice) dove si ancora su sabbia su 3/4 metri e con cime a terra perfetta per piccole imbarcazioni, attenzione al Maestrale che vi entra direttamente.

• Baia Saline 43°55'26" N - 15°21'40"E: ampia baia con tantissimi gavitelli, gratuiti se si cena al ristorante. Il ristorante sul fondo a sud ha 2 moli in cemento con fondo di 50 cm e un molo in legno con fondo di 100 cm con una trappa sulla testa, possibile ormeggiare per cena (150 kune [20 euro] a testa) e notte ben riparato.

• Baia Hiljaka 43°51'58" N - 15°19'34"E: insenatura non molto riparata dai venti da sud, campo boe di ristorante nel lato NE, ma soprattutto piccolo molo con una decina di trappe e piccolissimo porticciolo con 40 cm di fondo adatto ad ormeggi sicurissimi (ristorante un po' caro oltre 150 kune a testa)

• Baia Pinizel 43°53'06" N - 15°15'38"E: dietro all'isola grande ridosso su 100 cm di fondale non buon tenitore, numerose case private tutte chiuse con parecchi pontili in pietra.

•Baia Mir (Telascica) 43°53'31" N - 15°09'29"E: molti gavitelli, piccolo bar e ristorante (100 kune) con pontile in cemento con trappe e 100 cm di fondo (60 kune), di giorno assistenza all'ormeggio. Bagni del campeggio antistante fruibili liberamente. Attenzione in caso di bora.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it