Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 17/01/2019, 16:54

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 16:29 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
Si comincia maluccio.
Arriviamo ad Ancona esattamente alle 11 con la partenza del ferry alle 13.00.
Fila discreta, imbarco lento; e noi saliamo per ultimi.
Rampa di accesso a bordo, facile, e poi…. un’altra ripida rampa all’interno, davanti a me, e mi fanno segno di salire!
Salgo e poi tiro il fiato; ma ancora mi fanno segno di effettuare quella che si rivelerà una lunga retromarcia, ovviamente con il carrello, in uno spazio abbastanza stretto tra le auto; io eseguo, sudando, le direttive del personale, per la verità molto pratico ed anche gentile.
Quando sono a posto, finalmente tiro il fiato; sono fradicio di sudore.
Cabina accogliente, pranzo e cena già predisposte nella borsa frigo, e sento che la vacanza incomincia.

13 giugno (Domenica)
Arriviamo ad Igoumenitsa alle 7 del mattino.
Carrelliamo per 80’ verso sud ed arriviamo a Preveza; passiamo il tunnel sottomarino (5 euro) e siamo ad Aktio. Gironzoliamo un poco; alle 10 circa siamo davanti allo scivolo di cemento che una barca di olandesi (un 23 piedi, arrivato sul carrello dall'Olanda via Ancona!!!!) ha usato per il varo; ci dicono che è libero, ossia gratuito.

Comincia la fatica fisica: prima mettere a terra gli scafi, poi montare le traverse (tre), poi montare il ponte rigido, infine alzare l’albero. Fortuna che ci sono docce e bagni nel Marina Preveza, deserto (è domenica), ed abbiamo acqua dolce proprio sullo scivolo. Il sole è feroce.
Verso sera ci siamo: il varo alle 18 circa, la barca viene assicurata alle bitte di un pontile in legno, galleggiante, e dopo la doccia finale, si va in auto a Vonnitsa, ad 11 Km, per la prima cena nella classica “Taberna”.
Poi a letto, in barca. Musica da Preveza, disco e roba del genere, ma non ci infastidisce più di tanto.


14 Giugno, Lunedì.
Alle 8 in punto il marina apre; mi presento, dichiaro che ho adoperato il loro scivolo e le docce e che vorrei lasciare in parcheggio auto e carrello per 10 giorni. Mi fanno pagare 100 euro, con ricevuta fiscale (in Grecia si rivelerà la regola: si riceve sempre scontrino o ricevuta, anche per 1 euro).

Colazione, rifornimenti di acqua, miscela, viveri; alle 12 circa lasciamo l’ormeggio. Vento forte entra da W, subito misuriamo con il GPS una velocità massima della barca di 10,5 nodi, e per il momento non mi azzardo ad uscire dalla laguna interna, con il canale da affrontare di bolina, per cui bordeggiamo nella laguna; poi il vento cala e mettiamo il naso fuori.

Rotta diretta su Lefkas, il punto di imbocco del canale è sul portolano e lo metto sul GPS; siamo in mare aperto (il fetch arriva direttamente dalla Calabria), ed il cielo è scuro di umidità, per cui il mare è plumbeo, ma io sono tranquillo e non bado troppo al pescaggio. Sbagliavo: diamo in secca due volte con le derive, pur distanti almeno 500 metri dalla costa, su banchi rocciosi assolutamente invisibili.
Niente danni, per fortuna; solo molto allarme, ed allora completiamo la traversata a derive alzate.
Compaiono i delfini ma restano lontani.

Alle 16.45 siamo all’imboccatura del canale di Lefkas, che separa l’isola dalla terraferma; è quasi invisibile dal mare. Alle 17 in punto si apre il ponte mobile; passiamo, percorrendo a motore il lungo canale, per oltre un’ora.
Siamo contenti: il mare adesso è blu intenso e molto bello, anche se Lefkas ci manda rumore di motori dalla strada costiera.
Facciamo vela per un’altra ora circa, piano, ed alle 19 diamo fondo di fronte ad un castello sulla costa “continentale”. L’ancoraggio è aperto ad W, ma non sembra probabile che questo ci crei problemi, ci tuffiamo per il primo bagno, poi ceniamo a bordo, e la notte trascorre calma.



15 Giugno, Martedì.
Calma piatta al risveglio; ci muoviamo appena si alza un filo di vento, ma fa caldo, e dopo poco diamo fondo, sempre lungo la terraferma, per fare un bagno ed una sosta su una autentica spiaggia di sabbia.
Vento poco, ma per fortuna viene da nord; noi navighiamo verso sud, e nella tarda mattinata siamo di fronte a Nidri, un paese lungo la costa E di Lefkas.
Il vento rinforza parecchio, sempre da N, e ci fermiamo a ridosso di una piccola e bellissima isola ombrosa, davanti ad una splendida villa privata.
Altro bagno, in un'acqua bellissima, poi il pranzo a bordo, con un bel panorama: cominciamo a goderci la nostra crociera.

Usciamo dal ridosso con rotta verso E, e il vento fa i capricci, prima cala e poi sventola di nuovo, e poi cala ancora; passiamo a poca distanza dalla splendida isola di Skorpios, della nota famiglia Onassis; invidia!
Rotta sempre verso E, vento da S, ma siamo già ridossati dalla più grande isola di Meganissi, nostra meta della giornata; non entriamo nel suo maggior porto, Vathy, e dirigiamo invece alla punta più orientale, dove si aprono tre belle baie, ramificate, ottimi ridossi da tutti i venti.
Diamo fondo dentro la prima di esse, su fondale (per noi) piuttosto alto, (circa 7 metri) che digrada bruscamente con una ripida scarpata ciottolosa a pochi metri dalle rocce stratificate della costa. Lego una cima ad un pino, e ci rifugiamo nella sua ombra (siamo cotti dal sole); poi riposo, bagno con lunga nuotata, e poi il canotto ("tender") viene messo in acqua, e gironzoliamo a remi.
Molte barche, tutte almeno sui 40 piedi, allineate ed affiancate dentro il ridosso; noi siamo quelli più piccoli e siamo più fuori degli altri, ma ci va bene così perché fa molto caldo ed almeno un po’ d’aria ci arriva. Profumi della macchia che giungono da terra, beatitudine. Notte tranquilla.

16 Giugno, Mercoledì.
Al mattino mente a bordo tutti dormono scendo a terra a nuoto, lavo le pentole della sera, mi faccio un po’ di toeletta, (…) mi godo il sole e l’aria.
Il programma è di fare rotta sul paese Vathy di Meganissi, per fare docce e rifornimenti.
A vela torniamo indietro, di alcune miglia, ed entriamo in porto; c’è il porto gratuito ed un piccolo marina nuovo di zecca, dove mi ormeggio all’inglese; ci viene incontro il giovane funzionario del marina, gentile e disponibile, due volte campione mondiale di 4.70, che si chiama Yoannis. Ci vengono richiesti per la sosta diurna ben 5 euro, che pago più che volentieri, ed i documenti della barca; peggio per lui, sono talmente malridotti che deve metterci lo scotch per poterli leggere…..
Intanto il mio equipaggio si rifugia nelle docce e nei bagni. Poi faccio la doccia anche io e poi tutti ci dirigiamo in paese, a gironzolare ed a curiosare.

Intanto passa un italiano in bicicletta, si interessa all’adesivo dei Marinai di Terraferma, ben visibile sulla poppa, e chiede informazioni; poi commenta: “finalmente della gente in gamba” (è vero, lo giuro, ha detto così!!).

Caldo atroce, anche all'ombra, e poco vento. Ci dicono che in paese ci sono 41°! Mangiamo discretamente ad una Taberna, spendendo sui 45 euro (siamo in 4), e ci diamo da fare per la benzina, in vista della traversata su Itaca, prevista per l’indomani; ma attendiamo invano una cisterna che dovrebbe venire ogni giorno “alle 5 o alle 6”, perchè poi si scopre che non ha benzina, ma solo gasolio, ed allora ce ne andiamo con le pive nel sacco, ritornando a vela nel nostro ridosso poco lontano.
17 Giugno, Giovedì.
La nostra meta oggi è Itaca, a circa 20 miglia; con il vento che fin’adesso scarseggia abbiamo navigato poco, e vorrei proprio fare un po’ di mare, sperando nel vento.
Alziamo genoa e randa, si naviga a vela, mentre tutte le altre barche vanno a motore, e piano piano aggiriamo la lunga punta sud-orientale di Meganissi, una curiosa barriera di alti monti, molto stretta e lunga; in prossimità del capo il vento ci pianta del tutto, ed allora ci muoviamo a remi, nell’acqua immobile, fino alla riga scura che vediamo al di là della punta.
Poi il mondo cambia di colpo: dall’altra parte arriva il vento fresco da W, ammainiamo subito il genoa ed alziamo il fiocco, e di bolina larga dirigiamo su Frikes, piccolo paese nel nord di Itaca. Il vento è subito forte e poi rinforza ancora. Questo è il tratto più esposto della nostra crociera: un tubo di Venturi tra Lefkas ed Itaca che convoglia raffiche ed onde al traverso della nostra rotta, e mi vedo costretto a poggiare per non sollecitare troppo la mia attrezzatura.
Valuto 14-16 nodi di vento, e mare abbastanza formato; ogni tanto un’onda sale a bordo, ma non è preoccupante e nemmeno spiacevole dopo tanto caldo!

Poggiando poggiando, (ora siamo al traverso), faccio grande fatica a mantenere la velocità della barca sotto gli 8 nodi, pur con le vele molto lasche, ed una barca grande, in rotta parallela ma davanti a noi, fortemente sbandata, si avvicina a visita d’occhio!
Arriviamo a ridosso di Itaca, e il vento cala; gli altri danno motore, noi incrociamo ancora a vela, e finalmente entriamo nel posto più bello che abbia mai visto: la baia di Skinos, all’entrata del golfo di Vathy (si chiama così anche qui). E’ un’ampia baia circolare, con alberi profumati fino in riva al mare, ombra fitta, sentieri nel bosco, belle ville, poche barche: un paradiso!
Diamo fondo scegliendo il ridosso rispetto a quello che è il vento del momento, che arriva da SE: una cima da prua fino a terra, e l’ancora Danforth a poppa, su fondale roccioso.
Il punto di ancoraggio è un po' esposto verso W ma faccio la mia valutazione: il Maestrale “termico” è già finito, e la notte sarà tranquilla; al massimo potrà soffiare qualcosa dai quadranti meridionali.

Mi sbagliavo.

Verso le 20, mentre stiamo cenando, il vento rinforza e gira da W; ci investe, e vedo che la mia ancora di poppa, che ho gettato troppo vicino a terra, tiene poco, sul fondale roccioso della ripida scarpata che sale verso la spiaggia di ciottoli; poi il vento rinforza ancora, girando da SE, ed entra non da terra, dove avrei una solida cima, ma invece al giardinetto di dritta.
Mi spinge verso terra, e le prue si avvicinano troppo alla spiaggia , dove grossi massi di roccia sono in agguato giusto al di sotto del pelo dell’acqua…..

Sono le 22. Scendo in acqua con la lampada frontale, e, immerso fino al petto, (per fortuna non fa freddo), cerco di sistemare l’ancora di prua, la Bruce, in maniera da traversare la barca e tenerla lontana da terra. Invano.
Alle 23 decidiamo di levare l’ancoraggio e di muoverci. Le raffiche sono forti, tiro su la Bruce, sempre stando in acqua, sciolgo e recupero la cima legata a terra, trattenendo io la barca, con i piedi sul fondo, e faccio portare la Danforth dalla galloccia di poppa a quella di prua, in modo da girare la barca di 180°, con la prua verso il largo; poi la moglie si mette al motore, a medio regime, io da poppa salto a bordo, mi asciugo, e nel buio attraversiamo la baia (300 metri circa), per portarci dove ci sono alcuni motoscafi ed un molo privato.

Nel buio non oso arrivare troppo a terra; diamo fondo alla Bruce con la catena ad una distanza di circa 70 metri dalla riva, su un fondale che si rivelerà di circa 5 metri; filo tutta la catena che ho (5 metri) più 10 metri di cima.
Sono le 11.30. La barca brandeggia molto, arretra ed avanza ed arretra ancora, ma l’ancora tiene; allora, approfittando del brandeggio butto anche la Danforth, sempre da prua, con 10 metri circa di calumo.
Moglie e figlie a letto, io di guardia; alla 1.30 ormai casco dal sonno, ma finalmente sono tranquillo, le mie ancore tengono. Vado a letto anche io.


Allegati:
020.jpg
020.jpg [ 660.95 KiB | Osservato 5306 volte ]
011 ponte lefkada.jpg
011 ponte lefkada.jpg [ 615.94 KiB | Osservato 5306 volte ]
006 montaggio.jpg
006 montaggio.jpg [ 607.98 KiB | Osservato 5306 volte ]
005 igoumenitsa.jpg
005 igoumenitsa.jpg [ 655.29 KiB | Osservato 5306 volte ]


Ultima modifica di n/a3 il 23/10/2010, 18:12, modificato 3 volte in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 16:33 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
Alcune foto:


Allegati:
023 vathy di meganisi.jpg
023 vathy di meganisi.jpg [ 650.31 KiB | Osservato 5305 volte ]
027.jpg
027.jpg [ 584.39 KiB | Osservato 5305 volte ]
029.jpg
029.jpg [ 688.52 KiB | Osservato 5305 volte ]
045.jpg
045.jpg [ 431.61 KiB | Osservato 5305 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 16:42 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
17 Giugno, Giovedì.
La nostra meta oggi è Itaca, a circa 20 miglia; con il vento che fin’adesso scarseggia abbiamo navigato poco, e vorrei proprio fare un po’ di mare, sperando nel vento.
Alziamo genoa e randa, si naviga a vela, mentre tutte le altre barche vanno a motore, e piano piano aggiriamo la lunga punta sud-orientale di Meganissi, una curiosa barriera di alti monti, molto stretta e lunga; in prossimità del capo il vento ci pianta del tutto, ed allora ci muoviamo a remi, nell’acqua immobile, fino alla riga scura che vediamo al di là della punta.
Poi il mondo cambia di colpo: dall’altra parte arriva il vento fresco da W, ammainiamo subito il genoa ed alziamo il fiocco, e di bolina larga dirigiamo su Frikes, piccolo paese nel nord di Itaca. Il vento è subito forte e poi rinforza ancora. Questo è il tratto più esposto della nostra crociera: un tubo di Venturi tra Lefkas ed Itaca che convoglia raffiche ed onde al traverso della nostra rotta, e mi vedo costretto a poggiare per non sollecitare troppo la mia attrezzatura.
Valuto 14-16 nodi di vento, e mare abbastanza formato; ogni tanto un’onda sale a bordo, ma non è preoccupante e nemmeno spiacevole dopo tanto caldo!

Poggiando poggiando, (ora siamo al traverso), faccio grande fatica a mantenere la velocità della barca sotto gli 8 nodi, pur con le vele molto lasche, ed una barca grande, in rotta parallela ma davanti a noi, fortemente sbandata, si avvicina a visita d’occhio!
Arriviamo a ridosso di Itaca, e il vento cala; gli altri danno motore, noi incrociamo ancora a vela, e finalmente entriamo nel posto più bello che abbia mai visto: la baia di Skinos, all’entrata del golfo di Vathy (si chiama così anche qui). E’ un’ampia baia circolare, con alberi profumati fino in riva al mare, ombra fitta, sentieri nel bosco, belle ville, poche barche: un paradiso!
Diamo fondo scegliendo il ridosso rispetto a quello che è il vento del momento, che arriva da SE: una cima da prua fino a terra, e l’ancora Danforth a poppa, su fondale roccioso.
Il punto di ancoraggio è un po' esposto verso W ma faccio la mia valutazione: il Maestrale “termico” è già finito, e la notte sarà tranquilla; al massimo potrà soffiare qualcosa dai quadranti meridionali.

Mi sbagliavo.

Verso le 20, mentre stiamo cenando, il vento rinforza e gira da W; ci investe, e vedo che la mia ancora di poppa, che ho gettato troppo vicino a terra, tiene poco, sul fondale roccioso della ripida scarpata che sale verso la spiaggia di ciottoli; poi il vento rinforza ancora, girando da SE, ed entra non da terra, dove avrei una solida cima, ma invece al giardinetto di dritta.
Mi spinge verso terra, e le prue si avvicinano troppo alla spiaggia , dove grossi massi di roccia sono in agguato giusto al di sotto del pelo dell’acqua…..

Sono le 22. Scendo in acqua con la lampada frontale, e, immerso fino al petto, (per fortuna non fa freddo), cerco di sistemare l’ancora di prua, la Bruce, in maniera da traversare la barca e tenerla lontana da terra. Invano.
Alle 23 decidiamo di levare l’ancoraggio e di muoverci. Le raffiche sono forti, tiro su la Bruce, sempre stando in acqua, sciolgo e recupero la cima legata a terra, trattenendo io la barca, con i piedi sul fondo, e faccio portare la Danforth dalla galloccia di poppa a quella di prua, in modo da girare la barca di 180°, con la prua verso il largo; poi la moglie si mette al motore, a medio regime, io da poppa salto a bordo, mi asciugo, e nel buio attraversiamo la baia (300 metri circa), per portarci dove ci sono alcuni motoscafi ed un molo privato.

Nel buio non oso arrivare troppo a terra; diamo fondo alla Bruce con la catena ad una distanza di circa 70 metri dalla riva, su un fondale che si rivelerà di circa 5 metri; filo tutta la catena che ho (5 metri) più 10 metri di cima.
Sono le 11.30. La barca brandeggia molto, arretra ed avanza ed arretra ancora, ma l’ancora tiene; allora, approfittando del brandeggio butto anche la Danforth, sempre da prua, con 10 metri circa di calumo.
Moglie e figlie a letto, io di guardia; alla 1.30 ormai casco dal sonno, ma finalmente sono tranquillo, le mie ancore tengono. Vado a letto anche io.


Allegati:
095.jpg
095.jpg [ 672.29 KiB | Osservato 5303 volte ]
075.jpg
075.jpg [ 649.41 KiB | Osservato 5303 volte ]
074.jpg
074.jpg [ 703.12 KiB | Osservato 5303 volte ]
073.jpg
073.jpg [ 618.92 KiB | Osservato 5303 volte ]
064.jpg
064.jpg [ 620.61 KiB | Osservato 5303 volte ]


Ultima modifica di n/a3 il 27/06/2010, 19:17, modificato 3 volte in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 17:29 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
18 Giugno Venerdì
Giornata di ombra, bagni, riposo assoluto nella baia di Skinos, dove ho ripreso l’ancoraggio ombroso del giorno prima, ma avendo cura di dare àncora ben fuori, e di filare 25 metri di calumo!!!
Cucio il tendalino da sole, nuovo, ma ricavato da una copertura di gazebo, all’ombra dei pini odorosi. Moglie e figlie leggono, leggono, leggono.
Verso sera mi faccio invitare dal vicino di barca: si chiama Stewart, è scozzese e naviga 4 mesi all’anno con la moglie Anne su un Bavaria 44.. Guardiamo insieme i file grib del meteo, e benviamo Ouzo fra chiacchiere infinite.

Per il 21, dopodomani, è previsto un peggioramento con burrasca forza 6 da NW. Prima di allora, i grib danno solo venti deboli….
Le caprette a terra belano come agnelli e la più grande è interessata alla mia cima di terra: ma il solo rumore della macchina fotografica la fa fuggire….
La notte è tranquilla.

19 Giugno Sabato
Lasciamo con rimpianto la bella baia di Skinos e facciamo rotta su Vathy di Itaca, poco lontano: è ormai imperativo trovare benzina, e poi magari anche un buon ridosso prima della burrasca in arrivo.
La benzina ci finisce proprio a 20 metri dalla banchina di Vathy; completiamo l'approdo a remi!
Poi a piedi sotto il sole cocente andiamo fino al molo della benzina, circa 1 Km; e ritorno con 10 litri nel serbatoio, e molto più tranquilli. Niente docce, solo ristorante; discreto.

Prendiamo il largo nel pomeriggio. Dopo qualche andirivieni esplorativo, ci mettiamo alla fonda in una piccola baia poco fuori del porto di Frikes, ridossata da W, ma semiaperta verso SE; stavolta calo due ancore afforcate a prua, con 20 metri di calumo ciascuna e lego una cima a poppa, fino ad una pianta.

Precauzioni quanto mai utili: nella notte si scatena l’iradiddio. Prima arriva vento forte da terra, e non ci scuote nemmeno; poi, dalle 23 alle 2 di notte, ci arriva addosso qualcosa come 30 nodi da SE, e si sente l’acqua scorrere sotto gli scafi come un torrente e le sartie che fischiano; ogni tanto metto il naso fuori, ed ogni volta mi rassicuro, poichè le mie ancore tengono magnificamente, ma il rumore è tale che si dorme ben poco.

20 Giugno, Domenica
Alle 6 il vento comincia ad entrare, provenendo adesso dal porto di Frikes, cioè da W; sono forti raffiche, fredde: è forse questo il Maestrale, atteso per l’indomani?
Alle 7 del mattino asciamo l’ancoraggio, a motore, e in 10 minuti siamo in porto a Frikes. Ormeggiamo all’inglese, la barca sbatte parecchio, nonostante gli spring, ma siamo in porto e facciamo colazione sulla banchina e poi visitiamo il bellissimo, minuscolo paese.

Facciamo presto conoscenza con Emilio e Franco, due valorosi arrivati direttamente dal Le Castella (CZ) con il loro Stag 29: tra piccole barche ci si nota subito….. nella notte, ormeggiati all'italiana in porto, la loro àncora ha spedato, sotto le raffiche, ed allora si sono accostati all’inglese anche loro….

Giornata di riposo, sotto agli ulivi, nella caletta dove abbiamo passato la notte, che raggiungiamo via terra in 10 minuti.
Poi guardo le previsioni di Lamma Toscana ad un bar, gratis, con il computer prestato dal gentilissimo gestore: il giorno peggiore sarà mercoledì, (6-7 Bf) ma già da domani pomeriggio sarà forza 5.

21 Giugno Lunedì
Partiamo di buon mattino, con poco sole e vento da SE e facciamo colazione già in rotta; anche lo Stag si è mosso, prima di noi, con rotta sulla baia di Sivota, un buon ridosso nel sud di Lefkas. Dopo un’ora abbiamo recuperato lo svantaggio e superiamo lo Stag nella zona di calma a ridosso dell’isolotto di Arkoudi, deserto.
Contatto VHF con gli amici, Emilio e Franco, con scambio di fotografie.

Alle 9.30 entriamo in rada a Sivota; appena in tempo, che fuori il vento è girato da NNW e rinforza.
Ormeggiamo alla francese, tra due barche grandi; e da allora in poi sarà una pena evitare che le mie prue sbattano contro il molo, perché è difficile con questi venti che girano in continuazione tenersi lontani con due prue, avendo dato a poppa l’ancora in condizioni di vento da N……

Piove; il vento è forte e gira in continuazione di 180°.

In fondo alla baia un bello scivolo mi rassicura: da qui, mal che vada, si può partire anche sulle ruote del carrello….


Allegati:
125.jpg
125.jpg [ 288.63 KiB | Osservato 5300 volte ]
120.jpg
120.jpg [ 653.69 KiB | Osservato 5300 volte ]
105 frikes.jpg
105 frikes.jpg [ 589.41 KiB | Osservato 5300 volte ]
104.jpg
104.jpg [ 548.93 KiB | Osservato 5300 volte ]
096.jpg
096.jpg [ 657.3 KiB | Osservato 5300 volte ]


Ultima modifica di n/a3 il 28/06/2010, 10:43, modificato 3 volte in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 17:31 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
22 Giugno Martedì
Tempo brutto al risveglio: vento da NW, cielo nuvoloso, scrosci di pioggia. Notte tutto sommato tranquilla, ma siamo stanchi ugualmente.
Decidiamo di arrenderci: le ragazze sono esauste e nervose, noi anche, le previsioni sono di burrasca fino a giovedì, poi abbiamo la nave per Ancona venerdì alle 20 ed il tratto di mare da Lefkas fino a Preveza è molto scoperto, e sarà mare grosso almeno per tutta quella giornata….

Con Emilio e Franco che noleggiano un’auto per fare una gita, mi faccio accompagnare a Preveza e poi ritorno a Sivota, via ponte di Lefkas, con l’auto ed il carrello; intanto moglie e figlie si sistemeranno in due stanze in affitto, con bagno e cucina, e con vista, in bella posizione, proprio al centro della rada tutta banchinata, di Sivota.
Temperatura 15-22° (meno 20° rispetto ai giorni di Meganissi!!); pioggia a secchiate, vento da NW.

23 Giugno Mercoledì
Mentre le figlie dormono in casa, la Giò ed io andiamo ad alare il cat, sotto la pioggia battente, servendoci dello scivolo, in verità scomodo; poi si smontano l’albero, il ponte e le traverse, sempre sotto la pioggia, fermandoci (spesso) quando viene un rovescio più forte, rabbrividendo, aiutati nel pomeriggio da un po’ di sole e da Emilio e Franco.
A sera la bestia è sul carrello.

Doccia calda per tutti, pranzo e cena "in casa" con gli amici calabresi.
Riposo, riposo, riposo.

Dalla finestra della camera osservo le barche grandi che manovrano cercando il ridosso: una di esse darà fondo invano 5 volte prima di spostarsi più verso l'interno della baia, che è piuttosto affollato sia in banchina che alla fonda.
Quelle più fuori brandeggiano anche di 180°.


Allegati:
156.jpg
156.jpg [ 676.54 KiB | Osservato 5300 volte ]
143.jpg
143.jpg [ 609.03 KiB | Osservato 5300 volte ]
147 sivota.jpg
147 sivota.jpg [ 222.64 KiB | Osservato 5300 volte ]


Ultima modifica di n/a3 il 28/06/2010, 10:47, modificato 4 volte in totale.
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Isole IONIE - diario
MessaggioInviato: 27/06/2010, 17:35 
Non connesso

Iscritto il: 15/11/2009, 16:44
Messaggi: 2843
24 Giugno
Gita in auto a Vasiliki ed a Katsiki; fa freddino, di fare il bagno non se ne parla neppure, il mare è grosso.

25 Giugno
Emilio e Franco salpano alle 8.30, diretti in Italia. Forza 6 sul canale di Otranto, in diminuzione. Li salutiamo da terra agitando il cappello; tra tutte ‘ste barche grandi, loro, ed un po’ anche noi, siamo stati osservati da tutti…
Mentre scrivo queste note, un SMS di Emilio mi comunica che sono arrivati a Le Castella, e che tutto è andato bene.
Oltre 48 ore di traversata…. Bravi, davvero.

Noi invece, sulla via del ritorno, ci fermiamo sulla grandissima spiaggia a nord di Lefkas, tra i kitesurf ed i windsurf che si divertono; niente bagno, fa ancora freschino, il mare è mosso, il vento è 5-6 Bf.

A sera siamo a bordo della nave traghetto, salendo sulla solita, ripida rampa, ma stavolta senza la retromarcia.
Per quest’anno è andata così.


Allegati:
187.jpg
187.jpg [ 626.88 KiB | Osservato 5299 volte ]
183.jpg
183.jpg [ 648.22 KiB | Osservato 5299 volte ]
181.jpg
181.jpg [ 668.91 KiB | Osservato 5299 volte ]
164.jpg
164.jpg [ 582.77 KiB | Osservato 5299 volte ]
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it