Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 17/11/2019, 19:55

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 05/04/2019, 13:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/02/2010, 15:13
Messaggi: 3303
Su provocazione di un utente mi chiedo e rimbalzo la questione.
Quanti di quelli che sono passati di qui sono poi passati a barche più importanti?
Quanti rimangono fedeli alla linea?
Quanti effettivamente navigano con costanza sulle lunghe crociere con i barchini?

A distanza di più di dieci anni che ne pensate della scelta di una piccola o di una carrellabile?

_________________
Piccolo è meglio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 07/04/2019, 14:25 
Non connesso

Iscritto il: 10/04/2013, 13:35
Messaggi: 282
Località: Padova
Comincio io?
Ho una carrelabile dal 2003 ma con le ruote non è mai uscita dal circolo,
o meglio ho avuto 2 carellabili, la scelta inizialmente era stata fatta perche' avevamo fatto il corso di deriva e passare dal Trident della scuola al micropomo era stato per me un doppio salto mortale, poi ci siamo fermati su queste misure.
Caratterialmente siamo dei solitari per cui gia' il fatto di condividere piccoli spazi con altri per fare dell'esperienza in una barca grande ci piaceava poco pertanto ci siamo sempre mossi con la nostra barchetta non sentendo poi questa gran mancanza della barca più grande.
Inizialmente il progetto di carrellare ce l'avevo, infatti quando ho dovuto buttare l'invaso di fortuna ho comprato un carrello nuovo, con questo si pensava di fare il garda, lago maggiore o portarla in croazia posto in cui abbiamo passato molti anni delle nostre vacanze.
Valutando poi il tempo di disarmare e armare per quattro volte in 15 giorni se fossero le classiche ferie o peggio un fine settimana, associato al fatto che per lavoro cambio la macchina ogni 3 anni dovendo così buttare se non ricordo male 800/1000 euro ogni volta per il gancio traino ci ha appiattito l'idea di farlo.
Poi sono arrivate le figlie snodo importante nella vita e con questo è partito il timer, l'abbiamo usata direi abbastanza nei primi anni con tre anni consecutivi in alta Croazia facendo 10/13 gg di vacanza, poi il timer gira...
Adesso che sono delle marcantonie alte quasi un metro e settanta il massimo che riusciamo a farci è una notte,solo per lavare i capelli a tre donne adesso ci vogliono cento litri d'acqua,quando erano piccole bastavano venti litri in quattro.
Di nascosto sto aspettando come è successo a Margutte che abbiano un'eta' adeguata che vadano in ferie con qualche disgraziato che me le portera' via a cui gli avro' fatto prima un controllo ai raggi laser, per poi ritornare con mia moglie a riprenderci del tempo da soli.
Ho un chiodo piantato in testa da quando ho visto quei "Due Signori in Microchallenger" raccontato qui qualche anno fa e veramente mi piacerebbe fare una cosa del genere, chissà.
Da cornice a tutto questo c'è sempre stata la laguna veneta, un micromondo che comprende la città di Venezia,la laguna con acqua medio bassa e pochissima onda, spiaggia e mare, che mi ha fatto vivere momenti indimenticabili, e un sei metri come la mia barca con deriva mobile è quanto di meglio si possa avere per viverla, dai velaraid ai vari redentore o nottate in cui sembrava essere padrone dell isola di torcello.
Se l'avessi avuta in una qualsiasi costa per uscire in mare aperto probabilmente il risultato non sarebbe stato lo stesso.
Alla classica domanda se tornassi indietro farei esattamente tutto quello che ho fatto.


Ultima modifica di mauvira il 08/04/2019, 22:03, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 08/04/2019, 10:24 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12776
Località: Arese
Per me la barca piccola è una scelta ponderata. Ho avuto scafi più grandi, ma alla fin fine anche se è vero che l'abitabilità e i possibili sono maggiori o più semplici una piccola è più semplice: prima di tutto costa meno (ma questo è soggettivo), poi consente di autogestire praticamente tutto sia nei costi sia nella manualità richiesta, ma soprattutto è veloce da usare.
Uscire in 3 minuti, quando la si usa molto spesso è un valore imprescindibile, per chi abita a mezz'ora dalla barca consente di uscire anche solo qualche ora il pomeriggio dopo il lavoro; quando avevo il Lambrusco tante, troppe, volte mi son trovato in pozzetto e mi è mancata la voglia di togliere 15 kg di cagnaro, di issare vele che richiedono winch e manetta, ...
Carrallabile? Certo questa è un'altra scelta ponderata che ha portato ad uno scafo leggero, con tutti i suoi limiti, senza il quale il fattore economico avrebbe raggiunto valori pari ad un 30 piedi; banalmente l'auto per trainare una barca oltre la tonnellata costa più di una barca più grande.
In sostanza rifarei tutto e, anzi, oggi non avendo più la necessità (o possibilità) di carrellare credo prenderei qualcosa di più piccolo, ancora più veloce e più semplice, magari un pochino più zavorrato per correre con l'acqua che sfiora il pozzetto.

Quali le condizioni per una scelta simile?
1° economiche: una carrellabile costa meno, "sparisce" in un prato se ci si trova in difficoltà o non la si usa per lunghi periodi. Piccola costa meno, con un rapporto quadratico per metro di lunghezza.
2° praticità: piccolo è facile nell'uso e nella manutenzione; ma anche e soprattutto nelle competenze necessarie se si vuole far da soli, non solo per economia, ma anche per divertimento.
3° situazione familiare: con due figlie di età scolare primaria una barca al seguito facilita molto la vacanza, si usa la propria non dipendendo da necessità di altri che spesso non comprendono le proprie, il noleggio è comunque difficile dovendo pagare "per grandi" anche i figli. Quando le figlie divengono più grandi ci sarà un periodo di stop fisiologico, da cui la mia voglia di prendere una barca più piccola.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 08/04/2019, 13:00 
Non connesso

Iscritto il: 08/12/2018, 17:01
Messaggi: 29
In realtà vorrei sottolineare come tutti i guru del MDT abbiano una carrellabile, ma della taglia maggiore. Quelle al limite diciamo. Ho notato.che si fa un gran parlare dei lanaverre e dei r18, insomma delle.barchette da 400 kg, come una gran svolta, ma poi effettivamente siete tutti passati a dislocamento maggiori. Vedi cat o brezza o viko....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 08/04/2019, 13:53 
Non connesso

Iscritto il: 10/04/2013, 13:35
Messaggi: 282
Località: Padova
Per come la penso io nelle prime misure delle barche si potrebbero accomunare le barche leggere, mi vengono adesso in mente Laser ,4,20- 4,70, ecc. dicamo sotto i mt 4,5. Queste da quanto vedo in giro solitamente sono ad appannaggio di giovani aitanti e senza panza.
Da quelle che elenchi tu ai cabinati da 5,5 ai mt 6,5 il passo è brevissimo talvolta anche di prezzo. Perdipiu’ penso che i visitatori di questo forum siano mediamente non di “primo pelo” pertanto la scelta ricade sulla seconda misura, e la potrei riassumere così: Dopo una giornata che sei in mare pensi:
sarebbe bello stasera vedere il tramonto dormire qui fuori.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 10/04/2019, 8:39 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/02/2010, 15:13
Messaggi: 3303
Ho ripensato spesso alla nostra scelta in questi anni:
all'inizio, quando disegnavo barchette sui fogli di quaderno, cercavo e volevo un piccolissimo guscio. Avevo cercato e trovato il bisso, condizionato dalla lettura di Carnevali, libro che conoscevo a memoria. Non conoscevo questo forum ed ero totalmente ignorante sul vasto mondo delle piccole. Chiamiamole piccole più che carrelabili. All'epoca eravamo in pochi ed una piccola sarebbe stata sufficiente.
Per caso, e sempre per ignoranza ho scoperto i Wharram, che ha centrato da subito i miei gusti. Soprattutto era un catamarano ed a me piacciono i poliscafi.
Poi sono venuti tutti gli altri: prima un poi due, infine sei che sono diventati cinque, ma soprattutto ho cambiato visione sul mare. Il mare è diventato lo scopo di tutto l'anno. Mi rendo conto che come finisce la stagione estiva comincio a lavorare e preparare la barca per la stagione successiva. Trascurando tutto il resto. Il peggio è che mia moglie mi asseconda e mi stimola. Per natale ho ricevuto la nuova tenda sul catamarano, ma sono almeno 4 anni che dormiamo in una stanzetta in attesa di finire la camera degli sposi.
Col tempo abbiamo ottenuto un posto barca e ormai Tomtom ormeggia stabilmente lì.
Apprezzo ancora molto le doti di una carrellabile. Meglio, più che carrellabile direi le doti di una smontabile. Lo scorso inverno l'ho passato a rimaneggiare traversa di poppa e pozzetto, all'asciutto la sera dopo il lavoro. Li ho smontati e portati a casa in Italia.

Allo stato attuale tornare ad una barca più piccola è impensabile. Viviamo un paio di mesi all'anno sulla barca, qualche volta da solo con i bambini, mentre mia moglie mi raggiunge in giro per la Croazia, oppure in 5, a zonzo o ancorati semistabilmente in qualche rada più o meno deserta. Io dormo in pozzetto, negli scafi non c'è spazio per me, e ho bisogno di avere una barca con "sicurezza passiva" molto alta. Siamo in 5, ma nonostante i due maschi comincino ad essermi di aiuto, non posso pretendere che manovrino con mare formato o vento che sia un po' più di una bella brezza.

Detto questo, ragionando con mia moglie mentre beviamo una birra sulla terrazza di prua, se non avessimo tutti quei figli tra i piedi, o quando non avremo più tutti quei figli tra i piedi, forse una barca come la nostra è troppo ingombrante. Per quanto poco richiede manutenzione costante e per quanto si dica, costosa. E' grande, quando la ormeggio sono sempre lì che controllo che la cima sia corta che il parabordo sia basso, che il mare non entri. Mi allontano a malincuore e sempre con il pensiero.

Addirittura mi piacerebbe tornare alla pagaia, che ho abbandonato per evidenti e vivaci motivi.
Oppure...più volte ho visto in Croazia una piccolissima barca. Decisamente molto carrellabile, ma dalle forme piuttosto sportive. Una cabina che immagino possa ospitare solo una coppia ben affiatata.
Sono sicuro che Paddy sa a cosa mi riferisco e si ricorda come si chiama, il cantiere mi sembra di ricordare fosse sloveno.
A bordo di quel guscio ho visto e invidiato più volte giovani coppie, che mentre smotoravo per raggiungere una baietta sono sfilate, mentre spiaggiavano su una ombrosa insenatura quasi inesistente lungo costa, in attesa di un po' di brezza pomeridiana. Una volta ho incontrato padre e figlio. Il figlio poteva avere la mia età, il figlio non il padre. Un'altra volta, a Unje, un papà con una bambina di 12, 13 anni che ho aiutato a ormeggiare perché non aveva il motore! Erano sloveni e da lì arrivavano.
Ecco, siccome i miei figli mi hanno già detto che Tomtom è loro, mi piace immaginare di abbandonarli con le loro famiglie sul catamarano e avventurarmi con una minuscola barchetta a campeggiare con mia moglie.
Bisognerà vedere poi, se quando tutto questo avverrà, avrò ancora voglia e forza di montare una tenda o dormire in una cuccia, mangiare con la gavetta tra le mani.
Di certo, sicuramente, al cento per cento, mai e poi mai credo di crescere. Non rinuncerò mai a una barca che pesca poco, non riununcerò mai ad una barca che posso dimenticare da qualche parte. Una barca più grande la considero un inutile ingombro.
Per ora direi che il mio Tiki rappresenta il miglior compromesso adatto alle mie necessità. O meglio alle necessità della mia famiglia.
Piccolo è meglio.
Dalla mia poca esperienza, mi sento di dire anche che con un equipaggio adatto e in un mare come quello croato, anche con una piccola, grandi problemi non ce ne sono

_________________
Piccolo è meglio


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 10/04/2019, 8:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/02/2010, 15:13
Messaggi: 3303
la nuova tenda di Tomtom in costruzione

Allegato:
IMG-20190329-WA0002.jpg
IMG-20190329-WA0002.jpg [ 212.41 KiB | Osservato 1398 volte ]


Allegati:
IMG-20190329-WA0000.jpg
IMG-20190329-WA0000.jpg [ 264.3 KiB | Osservato 1398 volte ]

_________________
Piccolo è meglio
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 11/04/2019, 15:59 
Non connesso

Iscritto il: 23/06/2011, 16:18
Messaggi: 253
Località: Roma
Ciao a tutti, lettore assiduo ma poco partecipe in scrittura, un po’ per timidezza e molto per poco da scrivere ultimamente, questo forum resta comunque il mio punto di riferimento, perché nell’animo sono un carrellatore attualmente senza barca.
Stimolato dal post provo a fare un mio personale bilancio.
Premetto che la mia esperienza è quella di car-topper, ho avuto per alcuni anni una deriva x4, simile al laser, che tenevo tutto l’inverno sul lago vicino casa, e trasferivo al mare in abruzzo per l’estate, sulla spiaggia al mare, trasportandola abbastanza agevolmente sul tetto della station wagon che avevo all’epoca. Poi è accaduto che ho iniziato a fare campionati invernali su cabinati e quindi in inverno la deriva restava inutilizzata, perciò ho deciso di lasciarla direttamente al mare, nel giardino della casa di mia suocera, e portarla avanti e indietro dalla spiaggia all’inizio e fine della stagione estiva.
L’evoluzione successiva, visto che i figli sono cresciuti e la frequentazione della costa abruzzese è diventata più sporadica, e l’utilizzo della deriva di conseguenza, è stata quella di venderla. Anche perché avevo cambiato auto con una più piccola, e la prima volta che ho provato a metterci la deriva sopra con le barre agganciate al tetto ho fatto danni, 4 bei bozzi :evil: :o per fortuna recuperati dal carrozziere.
Attualmente sono in una fase di riflessione, sogno sempre un piccolo cabinato che userei in realtà come una deriva, piccole uscite giornaliere da solo visto che la famiglia non si è minimamente appassionata alla vela :| , però devo ammettere che non credo avrei l’energia per carrellare e montare/smontare ad ogni uscita, e dall’altra parte i costi dei posti barca sul litorale laziale sono tali da rendere assolutamente sproporzionato il costo di possesso di una barca rispetto all’utilizzo che ne farei.
A volte penso che una soluzione per le mie esigenze potrebbe essere la condivisione, visto che il tempo per usare la barca è poco e rende antieconomico possedere una barca intera per questo. O ancora meglio sarebbe una soluzione come quella di alcuni porti del nord-est, in cui mi sembra ci sia la possibilità di associarsi ad un circolo ed utilizzare derive e cabinati del circolo pagando la quota annuale, ma non mi sembra che vicino Roma ci sia niente del genere (anzi se qualcuno ne è a conoscenza dica pure).
In ogni caso, per forma mentis, per me la barca piccola resta la soluzione migliore, permette di contenere i costi, di essere autonomi per tante piccole cose a fronte di obiettivi limiti di range di utilizzo che, almeno per me al momento, non costituiscono certo un problema. E d’altra parte proprio su questo forum ci sono esempi di belle crociere del millennium falcon (a proposito, dove sei? Facci sognare ancora :D ….) che mostrano come il problema non è certo la dimensione della barca ma semmai quella del marinaio. :roll:


Allegati:
IMG00192-20110701-1814.jpg
IMG00192-20110701-1814.jpg [ 203.2 KiB | Osservato 1372 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 11/04/2019, 16:42 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12776
Località: Arese
androma ha scritto:
... millennium falcon (a proposito, dove sei? ...


Un'immagine vale più di mille parole, ma siamo tutti sicuri che presto tornerà in acqua :lol:
Allegato:
fioriera.JPG
fioriera.JPG [ 50.77 KiB | Osservato 1366 volte ]


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: bilanci carrellabili
MessaggioInviato: 12/04/2019, 8:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/02/2010, 15:13
Messaggi: 3303
NO :o
SI È SPOSATO :?: :shock:

_________________
Piccolo è meglio


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it