Marinai di Terraferma

Forum dei marinai carrellatori
Oggi è 16/12/2019, 13:33

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 06/03/2017, 16:08 
Non connesso
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: 14/11/2009, 10:10
Messaggi: 4381
Località: un romano tornato al mare!
MMhh..
Non ho fatto conti e non mi va di farne.
Ma:
- per visualizzare meglio la fattibilità (stare dentro le 12 mn) sarebbe preferibile una grafia dei cerchi capaci, in parole semplici puntare un centro sui punti interessati a terra e dargli il raggio di 12 mn; se due cerchi consecutivi si sovrappongono parzialmente, sei dentro, altrimenti no;
- e poi, siamo seri... davvero prendete i punti estremi di un'isola o di un promontorio come riferimento dei limiti? Non sarebbe più corretto puntare nel ridosso più sicuro e forse nemmeno più vicino?
- e ancora: se dopo diciamo 20 mn arriva la buriana proprio di prua, ve la sentite di dire all'equipaggio (o siete capaci almeno di pensare...) che la sicurezza è ... tornare indietro per 20 mn? E siete capaci di farlo?

Io piuttosto penso che se mi trovassi nella 'm**da' a qualche miglio da uno di quei promontori, suderei freddo non per la navigazione, probabilmente, ma per come poi approccerei all'approdo. Direte: sottovento! ok, con tutte le raffiche che arrivano da terra, es in Corsica E col NW, sicuri che reggete, voi e l'attrezzatura? Perché sicuramente l'approdo buono non è dietro l'angolo (entro 12 mn) ma magari qualche o più di qualche miglio più lontano...
Insomma un numero dovevano pur darglielo, e hanno scelto 12+12. Ma altri non hanno scelto, o meglio hanno scelto salomonicamente/pilatescamente di lasciar la responsabilità allo skipper.

Non ci provate, lo so che state pensando che chissenefrega, che sono un pignolo ecc.

Ma ditelo prima che non ve ne frega niente, e/o che siete disposti a pagar multe, almeno ditelo.
Io lo dico, e come al solito lo dico per quel povero neofita che arriva qui e legge, e sogna l'Ammerica, magari di andarci col pedalò, e poi si ritrova a esser affiancato dalla GC, e magari si fa anche male, per essere riportato all'ovile.

A proposito: l'unica volta che ho ancorato In Capraia, mi son beccato una grecalata (è solo brezza da nord, dicevano... poi non era brezza ma Grecale) e ho passato una notte e mezza giornata a governar la barca all'ancora...
Fate voi...

_________________
Buon Vento!
Alberto
________________________________________________
Il più bello dei mari è quello che non navigammo (N. Hikmet)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 06/03/2017, 17:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/11/2009, 10:24
Messaggi: 2925
Località: (UD)
Tramp ha scritto:
Insomma un numero dovevano pur darglielo, e hanno scelto 12+12.


sara' un puro caso... ma le dodici miglia corrispondono piu' o meno all'orizzonte visibile da una nave in cui il ponte di comando si trova circa a 35m di altezza...

Per un natante come i nostri .. dove il "ponte di comando" si trova a 1m dall'acqua... gia' poco oltre le 3 miglia le coste sabbiose spariscono...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 06/03/2017, 18:05 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12802
Località: Arese
Tramp ha scritto:
MMhh..
Non ho fatto conti e non mi va di farne.
Ma:
- per visualizzare meglio la fattibilità (stare dentro le 12 mn) sarebbe preferibile una grafia dei cerchi capaci, in parole semplici puntare un centro sui punti interessati a terra e dargli il raggio di 12 mn; se due cerchi consecutivi si sovrappongono parzialmente, sei dentro, altrimenti no;



Pronti!
Allegato:
12 miglia.jpg
12 miglia.jpg [ 293.48 KiB | Osservato 970 volte ]



Tramp ha scritto:
MMhh..

- e poi, siamo seri... davvero prendete i punti estremi di un'isola o di un promontorio come riferimento dei limiti? Non sarebbe più corretto puntare nel ridosso più sicuro e forse nemmeno più vicino?


Si certo, ma una volta che sei in prossimità, qualche miglio in più non sarà un problema.

Tramp ha scritto:
MMhh..

- e ancora: se dopo diciamo 20 mn arriva la buriana proprio di prua, ve la sentite di dire all'equipaggio (o siete capaci almeno di pensare...) che la sicurezza è ... tornare indietro per 20 mn? E siete capaci di farlo?


La meteo nelle 24 ore oggi è quasi una scienza esatta, a 4/6 ore che poi è quella che ci interessa per fare 20/25 miglia è estremamente affidabile.
Poi parliamo di barche in grado di farlo senza problemi, se non per le regole. Un come 801 è una barca tranquillamente classificabile senza limiti.
Comunque sarei capace di tornare indietro, se comando io la decisione è insindacabile, se non comando io non vado ;) :roll:


Tramp ha scritto:
MMhh..
Non ci provate, lo so che state pensando che chissenefrega, che sono un pignolo ecc.


Sei pignolo e fai bene, per cui se non è tutto perfetto, in regola con la legge e organizzato, stiamo a casa in due.


Tramp ha scritto:
MMhh..
A proposito: l'unica volta che ho ancorato In Capraia, mi son beccato una grecalata (è solo brezza da nord, dicevano... poi non era brezza ma Grecale) e ho passato una notte e mezza giornata a governar la barca all'ancora...
Fate voi...


Parlavamo di previsioni, la tua esperienza sarà successa nei primi del '900 8-) Quando ancora c'era il barometro a mercurio e l'igrometro a membrana :lol:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 06/03/2017, 18:07 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: 04/11/2009, 17:08
Messaggi: 12802
Località: Arese
guru70 ha scritto:
Per un natante come i nostri .. dove il "ponte di comando" si trova a 1m dall'acqua... gia' poco oltre le 3 miglia le coste sabbiose spariscono...



Il 30 di agosto al tramonto ero a circa 100/110 miglia dalla costa sarda, il sole era quasi sulla linea dell'orizzonte, quando di colpo apparve netto e perfetto il profilo delle montagne della Sardegna. Uno spettacolo unico che mi sorprese.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 06/03/2017, 21:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/11/2009, 21:19
Messaggi: 1827
Località: roma
Secondo me il vero problema della traversata verso la Sardegna oassando per la Corsica e' un altro: il tempo necessario. Infatti, viaggiando solo di giorno, devono essere previste dalle 4 alle 6 tratte (partendo dall'Elba per arrivare verso l'arcipelago della Maddalena). Es Marina di Campo-Campoloro poi Campoloro-Solenzara, poi Solenzara-Rondinara e poi verso la Sardegna, eventualmente spezzando ulteriormente per una sosta a Portovecchio.
Questo significa fare altrettamto per il ritorno con la variabile meteo sempre presente.
Di conseguenza, due settimane passano come niente tra andata e ritorno.
Invece, grazie al fatto di avere una carrellabile, ci si può portare, partendo da Civitavecchia o da Livorno, nello stesso arcipelago in circa un giorno (piu' mezza giornata per l'alberatura ed il varo) (considerando il traghetto) ed anch3 il meteo diventa piu' gestibile.

Forse un po' OT, ma siamo nel forum giusto ;)
Bv

_________________
Ex: Aura (CNA - Brezza 22 ) http://lamiabarcabrezza22.myblog.it
Gli stolti corrono ove i saggi non osano nemmeno avventurarsi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comet 801
MessaggioInviato: 10/03/2017, 19:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 30/09/2014, 10:16
Messaggi: 290
Località: roma
E' un'idea che mi ronza in testa da un pò di tempo.
Solo che io dovrei partire da Roma.
La scorsa estate per non esagerare sono partito, con il mio Comet 700, per raggiungere l'Elba.
prima tappa partendo alle 9 di sera con un amico volontario, viaggiando di notte, siamo arrivati a Giannutri (60 Mn)in tarda mattinata. dopo pranzo siamo ripartiti e percorso le successive 13mn fino . scaricato metà equipaggio (cioè il mio amico) ho passato la notte con la bionda... ops, la bionda è una caletta che si trova poco a est di porto S. Stefano.
la mattina seguente ho iniziato la mia prima vera navigazione in solitario fino a Le Rocchette, dove ho dovuto fare una sosta obbligata per un pò di maestrale e per non arrivare a porto azzurro stanco e col buio. 100 Mn totali in 60 ore circa di cui 40 in solitario. poi ho proseguito co moglie, figlia e cagnolino per una vacanza indimenticabile circumnavigando l'Elba e raggiungendo capraia. dopo 20 giorni di mare ero di nuovo a fiumara.
Seguire il meteo è importante ed in effetti la costa è stata quasi sempre visibile, tranne il tratto tra Civitavecchia e Giannutri, dove tra l'altro non ci sono ne porti ne ridossi, ma sopra si parla più del tragitto tra porto Taverna e la Sardegna che della traversata. In effetti con una finestra di bel tempo la traversata si fa anche con bonaccia a motore a 5 nodi ci si mettono poche ore. il tratto seguente lo si fa in un paio di tappe. tra porto Taverna e Solenzara ci sono 30 Mn e poi è tutto un susseguirsi di calette ed insenature che non si possono saltare di slancio. La zona da Pinarello in poi la conosco molto bene e posso garantire che anche non arrivare in Sardegna non sarebbe una sconfitta, anzi. Se non sbaglio si dovrebbe pagare anche una bella tassa d'ingresso nel parco della Maddalena.
comunque vada sarà un successo.
buon ventoooooooooooooo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it